Da Arienzo alla Fiorentina, l’emozione di Terracciano: “Un orgoglio vestire la viola; regalai la maglia di Chiesa…

Terracciano all’Artemio Franchi (foto Calciomercato.com)

FIRENZE – Inizia ufficialmente l’avventura viola di Pietro Terracciano. E’ avvenuta pochi minuti fa la presentazione nella sala stampa dello stadio “Artemio Franchi” di Firenze. Il portiere classe ’90 di Arienzo ha pronunciato le prime parole da tesserato della Fiorentina, dopo lo scambio di prestiti con Dragowski che è andato all’Empoli (CLICCA QUI PER LEGGERE L’ANNUNCIO). Come rilasciato al sito Labaroviola, il pipelet ex Avellino e Catania farà da secondo di Lafont e si mette a disposizione di Stefano Pioli per dare il suo contributo. Ecco le sue parole in conferenza stampa.

“Sono contento di essere qui, per me è un orgoglio vestire questi colori, Firenze è una piazza importante nel calcio italiano. Ho l’ambizione di dimostrare il mio valore in poco tempo, mi piacerebbe rimanere dopo il prestito. Darò il massimo per riuscirci.

Lafont ha grandi qualità. Si nota subito fisicamente la sua presenza in campo. Dobbiamo fare squadra perché noi portieri siamo una squadra dentro la squadra

Traorè è un ragazzino solo all’anagrafe. Ha margini di crescita enormi ed è un bravo ragazzo. Scelta giusta della Fiorentina.

Mio fratello, anche se di Caserta, è un tifoso accanito della Fiorentina. Al suo compleanno gli ho fatto arrivare la maglia di Chiesa firmata.

Pasqual mi aveva parlato della squadra e dell’ambiente già prima del trasferimento. Appena ha saputo del numero di maglia uguale ci abbiamo anche scherzato sopra

Manuel me ne aveva già parlato di quanto era importante nello spogliatoio Davide Astori e penso che abbia lasciato tanto in ogni persona che ha incontrato

Polemica contro l’Empoli? No, sono andato via da Empoli perché è arrivata la richiesta della Fiorentina, però da parte loro avrei preferito chiarezza e schiettezza”