Capuano non ha dubbi: “La rosa della Casertana è faraonica ma deve arrivare almeno tra le prime quattro. D’Agostino e Martone hanno le idee chiare”

Eziolino Capuano (Foto Giuseppe Scialla)

La Casertana riprenderà il 9 gennaio la preparazione. Il successo di Cava ha permesso di andare in vacanza con il morale alto e tanti buoni propositi. Mister Eziolino Capuano attraverso i microfoni di Zona Calcio ritorna sulla vittoria del ‘Simonetta Lamberti’. “Quando si vince un derby non è mai facile a maggior ragione contro una Cavese in palla e che ha dimostrato di credere fino alla fine in una clamorosa rimonta. Una Casertana brava a colpire con quell’uno-due Pinna e Castaldo, gol micidiali che hanno steso la Cavese. A quel punto è emersa l’esperienza della Casertana che ha cercato di gestire ma la Cavese ha reagito creando qualche occasione. Onestamente la prova in dieci dei metelliani non mi è affatto dispiaciuta e poi contro la Casertana non è mai facile per nessuno. I rossoblù d’altra parte sono una grandissima squadra e credo che potrà giocarsela col Catania per valori e potenziale”.

Il tecnico poi ammette: “Dopo l’esonero di Fontana mi sono sentito col presidente D’Agostino. Devo essere schietto e sincero come sempre e ho sentito anche il direttore Martone. Ovviamente non hanno sentito solo me così come in questo periodo non ho sentito solo la Casertana. Ho avuto sensazioni molto buone dalla società: il presidente ha idee chiare, persona umile e che ama la Casertana. Martone è un giovane che può fare a mio avviso molta strada e ha le qualità per emergere. Sinceramente in tanti anni di serie C non ho mai visto una squadra così forte come la Casertana. Prime donne? Ad avercene sempre tante in squadra. Tutti gli allenatori vorrebbero avere una rosa del genere”.

Col mercato aperto cambieranno alcune pedine. Ecco invece cosa si aspetta Capuano: “Mi aspetto una Casertana almeno tra le prime quattro. Sinceramente pensare di recuperare venti punti alla Juve Stabia è praticamente impossibile. La classifica non è figlia del potenziale umano di questa squadra. Gli allenatori hanno sempre lavorato con grandi difficoltà viste le assenze per infortunio. Alcuni episodi hanno condizionato il cammino in questa prima parte di stagione, ma una squadra faraonica come la Casertana è capace di vincere cinque-sei partite consecutive e credo possa venire fuori da una classifica che non gli rende giustizia”.