Da Caserta a fenomeno mediatico in Inghilterra e Spagna: il marchio “Rage Sport” spopola sul web

La maglia del Clapton CFC

CASERTA – Per un ideale. Con la convinzione di un certo tipo di pensiero. Così opera la Rage Sport, brand nato a Caserta nel 2015 che negli ultimi mesi sta spopolando sul web. Sponsor tecnico di numerose squadre di esclusiva natura popolare ed antirazzista, tra cui gli RFC Lions Ska Lions, l’Afro Napoli United, Liberi Nantes e United Glasgow, è salito alla ribalta internazionale grazie all’idea scattata nella testa di un ragazzo di Macerata Campania, Maurizio Affuso, fondatore e proprietario del marchio, per il disegno della divisa ufficiale del Clapton CFC, squadra che partecipa ad un campionato amatoriale in Inghilterra.

LA MAGLIA. Il club britannico del lato est di Londra, nato pochi mesi fa con l’intento di promuovere messaggi antirazzisti attraverso lo sport, ha chiesto alla Rage Sport di omaggiare l’ottantesimo anniversario della guerra civile spagnola. Da quel momento è stata partorita una maglia che sta andando letteralmente a ruba. La divisa infatti riporta sulla parte posteriore del colletto la scritta “No pasaran!”, motto antifascista coniato prima da Robert Nivelle e poi ripreso durante la guerra civile spagnola da Dolores Ibàrruri. Inconfondibili i colori della maglia (rosso, giallo e viola), che riprendono quelli della Seconda Repubblica Spagnola, così come la stella a tre punte scelta dal Frente Popular e dalle Brigate Internazionali, con cui hanno combattuto ottanta anni fa volontari provenienti da tutto il mondo (come gli scrittori George Orwell ed Ernest Hemingway).

Il logo della Rage Sport

IL CASO MEDIATICO. Nemmeno il tempo di mettere in vendita le prime t-shirt, che migliaia di persone hanno preso d’assalto lo store ufficiale del Clapton CFC. Da un primo ordine di 250 si è passata ad un ordine di oltre 5mila maglie. Per il brand casertano, una richiesta incredibile che aumenta sempre di più e che non accenna a fermarsi. Si è parlato talmente tanto di questo caso mediatico che illustri quotidiani e tv internazionali come The Guardian, BBC e Marca, hanno rilanciato la notizia, per il peso politico che esso ha. Da un giorno all’altro Rage Sport è divenuto un brand conosciuto in tutto il Mondo, per un clamore tale da far invidia a big del settore come Adidas e Nike. A differenza loro, la commercializzazione non interessa alla Rage Sport che resta sempre fedele alla linea, aperta a vestire solo squadre popolari ed antirazziste. Sebbene tutto, prevale un ideale.