La Casertana cerca punti salvezza a Brindisi, il doppio ex Riccardo Idda: “I rossoblù possono battere il Francavilla. Una rosa così forte merita altre posizioni”

Riccardo Idda con la maglia del Cosenza (Foto Giuseppe Scialla)

A Brindisi domenica la Casertana proverà a ritrovare la vittoria che manca ormai da fine dicembre in quel del ‘Massimino’ contro il Catania. Avversario di turno sarà la Virtus Francavilla che è in piena zona playoff e che tra le mura amiche ha perso soltanto una volta. Gara molto tosto insomma e a presentarla è il doppio ex Riccardo Idda.

“Caserta è stata una tappa importante della mia carriera. Tre anni molto intensi e belli. Dopo la promozione in Lega pro unica sfiorammo i playoff e ci togliemmo la soddisfazione di battere la Salernitana in un derby sentitissimo. Poi due stagioni fa partimmo bene ma il finale fu un po’ amaro ma il bilancio è stato comunque positivo. Un percorso importante per la mia carriera e per la mia vita. In città ho conosciuto tante belle persone con cui ancora oggi resto in contatto. A Francavilla una delle mie migliori stagioni e da neopromossa andammo anche a fare i playoff da quinti in classifica. Una bellissima esperienza davvero”.

Riccardo Idda in maglia Casertana (Foto Giuseppe Scialla)

Domenica saranno una difronte l’altra e la posta in palio fa gola ad entrambe. “Arrivano a questa sfida in momenti delicati poiché la Virtus è tanto che non vince e deve ritrovarsi dopo i grandi cambiamenti di gennaio. La Casertana ne ha più bisogno vista la posizione che occupa. Si è rinforzata bene e credo che riuscirà ad ottenere un buon risultato e i tre punti potrebbero essere fondamentali per risalire”. Una Casertana che non è mai riuscita ad esprimere tutto il suo potenziale e Idda ammette: “Sinceramente non riusciamo a capire come possa essere così in basso. A Cosenza dimostrò di avere valori e quadratura, poi non è riuscita a trovare la giusta continuità di risultati. Credo che dovranno compattarsi perché una rosa così competitiva non può lottare per i playout. A volte può essere anche un blocco mentale perchè Caserta è una piazza esigente e quando non arrivano i risultati la fiducia diminuisce. Secondo me con un paio di risultati favorevoli riusciranno a tirarsi fuori dalla zona pericolo. Hanno tutto per farcela”.