Per l’Aversa vittoria di rigore, la Normanna fa un altro passo verso la salvezza



Roberto Esposito match winner contro il Sersale (Foto aversanormanna.com)

Una vittoria sofferta e per questo più bella. L’Aversa Normanna torna al successo ma deve sudare le fatidiche sette camicie per battere il fanalino di coda Sersale. Il gol decisivo è quello messo a segno da Esposito su calcio di rigore dopo 13 minuti della ripresa. E’ il sesto risultato utile consecutivo per i granata e con i tre punti conquistati il gruppo granata abbandona la zona play out.

PRIMO TEMPO. La prima azione del match arriva dopo 4 giri di lancette quando Guillari riceve palla al vertice dell’area e prova una conclusione a giro ma la sfera esce di poco dall’incrocio dei pali. Al 9’ anche la prima conclusione del Sersale: dalla distanza ci prova Paonessa ma Lombardo si distende alla sua sinistra e para a terra in due tempi. Per trovare un’altra azione bisogna arriva alla mezz’ora di gioco quando l’Aversa Normanna va vicina al gol del vantaggio quando c’è un calcio di punizione dalla trequarti di Cigliano per la testa di Guastamacchia che colpisce bene ma il tiro non trova la porta e finisce di pochissimo fuori lo specchio difeso dal portiere Bambino. Poi c’è da segnalare solamente i gialli rifilati a Guastamacchia e Ientile per reciproche scorrettezze a gioco fermo e quindi poco dopo anche a Ferriera.



SECONDO TEMPO. Alla ripresa del gioco subito un cambio tattico per l’Aversa Normanna. Mister Mauro Chianese manda in campo Laringe al posto di Trofo e quindi posiziona la sua squadra con un 4-2-4 che dimostra come il tecnico voglia solamente il successo contro il fanalino di coda del girone. Il primo tiro del secondo tempo però è del Sersale con Bongermino che per poco non trova il gol del vantaggio con una conclusione che fa la barba al palo ed esce fuori. Al 57’ l’azione decisiva del match: Ramaglia viene atterrato in area di rigore da Kamana (che viene anche ammonito) e per l’arbitro non ci sono dubbi. Penalty dagli undici metri. Dal dischetto Esposito non sbaglia spiazzando il portiere Bambino facendo esplodere di gioia i tifosi presenti al ‘Bisceglia’. In un minuto, al 61’, l’Aversa recrimina per un presunto fallo su Laringe in area di rigore e poi poco dopo contro la sfortuna per un pallonetto di Guillari che si perde di pochissimo sulla traversa. La gara si porta avanti fino al 90’ con la Normanna che gestisce il vantaggio ma il brivido maggiore arriva al 92’ quando Petrone calcia in diagonale da posizione ravvicinata ma Lombardo compie un vero e proprio miracolo salvando con i piedi.

AVERSA NORMANNA (4-3-3): Lombardo; Ciocia, Guastamacchia, Mangiapia, Gambardella; Nappo, Cigliano, Trofo (dal 1’ st Laringe); Esposito, Ramaglia (dal 15’ st Russo), Guillari (dal 31’ st Del Prete). A disp.: Maraolo, Terracciano, Sozio, Mariani, Cassetta, Buono. All. Chianese

SERSALE (4-3-3): Bambino; Scalise (dal 25’ st Hespalloneto), Kamata, Ientile, Di Cillo; Aprile, Paonessa (dal 16’ st Petrone), Pappalardo (dal 15’ st Fabiano); Hadzic, Bongermino, Ferriera. A disp.: Piazza, Scozzafava, Puntoriere, Fiorino, Guglielmi, Pagliaviniti. All. Venuto

ARBITRI: Niccolò Panozzo di Castelfranco Veneto

ASSISTENTI: Cosimo Contini di Matera e Antonio Salvatore di Moliterno

MARCATORE: 13’ st Esposito (A) su rig.

NOTE: Terreno in condizioni non ottimali. Spettatori circa 300 con rappresentanza ospite. Ammoniti Guastamacchia, Esposito, Lombardo (A), Ientile, Ferriera, Kamana, Scalise, Di Cillo (S). Recupero 2’ pt, 5’ st

 


P