Si chiude nel segno di Silao Forte e Dino Fava il 7° torneo ‘Parrocchia S. Lucia’ di Cellole

Affermazione per il team Moseca nella categoria Junior e per la squadra Art Moda nella categoria Senior



Gli organizzatori del torneo di calcio a 5 Parrocchia S. Lucia di Cellole
Gli organizzatori del torneo

Si è conclusa nella serata di ieri la settima edizione del Torneo di Calcio a 5 ‘Parrocchia S. Lucia’. Il programma di giornata prevedeva la finalina 3°- 4° posto per il torneo Senior e poi a seguire la finalissima del torneo Junior ed infine quella del torneo Senior. Ospite illustre alla serata il mister Nello Di Costanzo, allenatore con numerose esperienze in campionati professionistici di Serie B e Lega Pro. La serata è iniziata più tardi del previsto perchè non si è disputata per assenza della squadra A.C. Sessana la finalina ed il terzo posto è così andato a tavolino alla squadra Sport Store.

Tanti giovani talenti in mostra nel torneo Junior, alla fine trionfa il team Moseca.



finaliste Torneo junior Parrocchia S.Lucia Cellole
Le finaliste della categoria Junior

La finalissima dei giovani nati tra il 2000 e il 2004 ha visto affrontarsi appunto la squadra Moseca e il team Bastardi Dentro. I ragazzi del team Moseca, in maglia azzurra, hanno interpretato al meglio la partita, sfruttando le proprie potenzialità contro gli avversari in maglia gialla che, dal loro canto, hanno lottato fino alla fine, cercando di rendere arduo il compito dei rivali. Alla fine il risultato di 6-4 ha premiato i ragazzi in maglia azzurra grazie alla grande serata di Capasso che ha messo a segno 4 delle 6 reti dei suoi, aggiudicandosi poi anche il trofeo di miglior calciatore della manifestazione. Le altre due reti per i Moseca sono state realizzate da Rea e Ciprino. Per i Bastardi Dentro sono andati in rete Paparcone, doppietta per lui, De Iorio, capocannoniere del torneo e il portiere Ciccariello, risultato alla fine miglior numero uno della kermesse.

Finale a senso unico con gli Art Moda che hanno meritato il titolo.

art moda vincitrice torneo senior Parrocchia S.Lucia Cellole
Art Moda, vincitrice torneo Senior edizione 2016

Subito dopo c’è stata la finalissima categoria Senior. Grande spettacolo organizzato dagli organizzatori con un’entrata in campo delle due squadre in stile NBA, molto scenografica ed emozionante. In maglia blu il team Art Moda, con in campo vari protagonisti della scorsa manifestazione da loro vinta; in maglia bianca la squadra del presidente Ciorra che ha vestito i panni della sfidante. A differenza della scorsa partita i campioni in carica sono partiti subito con il piede sull’acceleratore e dopo tre giri di lancette erano già in vantaggio grazie al gran bel diagonale mancino di Silao Forte. Risposta dei bianchi nel destro potente di Alfieri che si è stampato sull’incrocio dei pali, prima che anche Forte fosse fermato dal montante dopo una percussione personale straordinaria. Primo tempo proseguito nel segno dell’equilibrio fino al 24’ minuto quando Dino Fava è salito in cattedra realizzando il raddoppio. Nemmeno il tempo di mettere la palla al centro ed è arrivata la rete che ha dimezzato lo svantaggio dei bianchi, grazie ad un diagonale di Alfieri deviato da un difensore, proprio sul finire della prima frazione.

dino fava protagonista assoluto Parrocchia S.Lucia Cellole
Dino Fava Passaro, capocannoniere e protagonista della manifestazione

La seconda parte di gara è ricominciata ancora nel segno dei campioni in carica. Dopo nemmeno un minuto dal riposo è salito in cattedra Dino Fava che ha prima triplicato e poi portato a quattro le reti per Art Moda, sullo splendido assist di tacco di Gigino Franco, il tutto in 3’ minuti di gioco nella ripresa. Al 6’ Forte ha colpito di nuovo il palo con un diagonale destro finito sul palo. Poi Christian Quintigliano ha accorciato sul 2-4 per i bianchi grazie ad un destro potente. Il match sembrava riaperto prima che ancora uno spietato Forte mettesse in rete la seconda rete personale di serata per il 5-2 al minuto 8’. Ormai la partita era in ghiacchio, ma il fuoriclasse Fava Passaro senza nessuno sconto decideva di mettere la parola fine al minuto 11’ della ripresa con il gol del 6-2, firmando il poker personale che lo consacrava come capocannoniere del torneo. Subito dopo lo stesso numero 10 lasciava il posto all’altro veterano del team, Peppe Martino. L’altro protagonista della serata è stato senz’altro Silao Forte, diga insuperabile in difesa e spietato davanti alla porta difesa da Daniele Cenerelli, come in occasione del 7-2 con il quale portava a 3 il bottino personale. Prima del fischio finale c’era ancora il tempo per il 3-7 realizzato da Christian Quintigliano su tiro libero, poi l’ottava rete dei blu siglata da Gigino Franco, eletto a fine gara miglior giocatore del torneo ed infine il gol di Stefano Cenerelli che sanciva l’8-4 finale con il quale Art Moda si laureava campione dell’edizione 2016. Altro premio per Art Moda era il trofeo per il miglior portiere, finito nelle mani di Erasmo La Racca.

Seguivano le premiazioni in pompa magna, con i riconoscimenti rilasciati a coloro che hanno contribuito alla riuscita della manifestazione e due premi molto importanti come quello Fair-Play consegnato alla squadra New Team e quello di miglior atleta 2016 finito al beniamino cellolese Doc, Tommaso Picano.

Un successo di pubblico annunciato, nel segno dell’ottima organizzazione.

Un plauso davvero speciale va agli organizzatori per aver reso questo appuntamento estivo, una manifestazione davvero ben congegnata, diventata il punto di riferimento della zona domizio-aurunca. Successo riscosso sia in termini di visibilità online, con la pagina facebook della manifestazione visitata  oltre 80mila volte nel corso dei 20 giorni di durata dei tornei; che in termini di pubblico, visto che anche ieri, come per quasi tutto il corso del torneo, si è registrato il tutto esaurito, con persone assiepate in ogni angolo per assistere allo spettacolo assicurato dai campioni in campo. Non resta ora che aspettare la prossima estate per scoprire le novità offerte dall’ottava edizione della kermesse cellolese.