Per il Taekwondo Caserta quattro medaglie all’undicesima edizione del ‘Kim e Liù’

I ragazzi del Taekwondo Caserta
I ragazzi del Taekwondo Caserta

Senza sosta le attività della squadra del Taekwondo Caserta. Lo scorso fine settimana infatti, i piccoli atleti del Team del Maestro Fusco si sono cimentati nel Torneo Internazionale Kim e Liù – gara dedicata ai bambini dai 6 agli 11 anni – giunta ormai alla sua undicesima edizione. Come sempre un grande successo di partecipanti e di atleti, circa 1100, giunti da ogni parte d’Italia, dalla Germania, Francia, Principato di Monaco e San Marino che hanno dato vita nella splendida cornice del Centro Preparazione OIimpica del CONI di Roma a una due giorni veramente emozionante. Sempre protagonisti i mini atleti casertani, che si portano a casa uno splendido oro con Alida Costa, al suo quarto successo consecutivo in altrettante partecipazioni, nella categoria -45kg cinture rosse e nere cadetti B (10/11 anni). Una semifinale senza storia (26-0 dopo soli due round) la catapulta in finale, dove incontra l’avversaria delle ultime 3 gare disputate contro la quale fa esplodere tutta la sua grinta portandosi sul 9-2 a fine secondo round. Un recupero repentino nel terzo porta le due atlete in parità sul 12-12, ma un colpo di coda della casertana la conduce con 3 calci alla corazza ben assestati sul 15-12 in pochi secondi. Risultato finale 15-13 e grande festa per lei. Bella la gara anche di Adelaide Di Silvestro, al suo primo Kim e Liù. Nella categoria -37kg cinture bianche e gialle supera le eliminatorie, i quarti e la semifinale con punteggi stratosferici sempre superiori ai 20 punti subendone solo 2 o 3. In finale si fa ipnotizzare da una brava avversaria, non riuscendo mai a mettere in atto la propria strategia e fermandosi sul 3-16. Medaglia d’argento. Secondo posto e argento anche per “Modu” Konte, il ragazzo senegalese adottato dalla squadra casertana. Il piccolo campione, in palestra da poco più di 2 mesi, nella categoria -41kg cinture bianche e gialle cadetti B vince 3 incontri: il primo 30-0, il secondo 9-2 e il terzo 20-4, ma si arrende in finale a un atleta di Genova più esperto che lo ferma sul 10-8. Per i cadetti B l’ultima medaglia arriva da Michele jr. Esposito che in un match punto a punto nei quarti, riesce a mettere l’ultimo calcio al viso allo scadere portando a casa l’incontro nella categoria -37kg cadetti B cinture rosse e nere. Nulla può in semifinale contro un atleta che lo sovrasta fisicamente e deve accontentarsi del bronzo. Negli esordienti l’unica medaglia è il bronzo di Daniele Bossa che inspiegabilmente, si chiude in difesa in semifinale senza mai cercare l’attacco. Buone le prove anche di Luca Rossi che disputa un incontro davvero epico contro il suo rivale storico contro cui perde di soli 4 punti, quelle di Francesco Sciascia e Alfredo Villa che concludono alla pari i tre round regolamentari e si fermano al golden point (quarto round in cui chi mette a segno il primo punto vince). Non convince Ernesto Visone, arrivato alla gara dopo un secondo e un primo posto interregionale, che dopo aver vinto il primo incontro per 20-2 sembra appagato e si fa mettere sotto nel secondo da un avversario non certo irresistibile. Stesso discorso per Raffaele Bocchetti, che passa il primo con facilità e si ferma al secondo. Qualche nota positiva arriva anche da Francesco Carangio, che sembra sbloccarsi e tornare ai fasti dell’anno scorso, portando a casa il primo incontro per 16-3. Purtroppo non continua nel secondo e deve capitolare. Bravi anche Andrea Albanese, Massimo Boiano, Walter Buonpensiero e Matteo Mormile nei cadetti B che si arrendono solo ad avversari più prestanti ed esperti. Negli esordienti invece c’è una prova buona a metà di Alessandro Spina, sempre in vantaggio fino al 3° round, che si fa poi recuperare e mettere sotto in pochi secondi. Emozionanti le prime partecipazioni dei piccolissimi Alessandro Iacente, Alessandro Madonna, Matteo Marino, Adriano Mazzone e Francesco Palmiero che non riescono a tenere testa ad avversari più esperti senza comunque mai sfigurare. Peccato per chi, causa febbre, non è riuscito a partecipare a questa splendida kermesse, che secondo il Maestro Fusco “è una vera e propria festa per i bambini, in cui lo sport, e nello specifico il Taekwondo, è solo una cornice che racchiude tanto divertimento”. Non finiscono certo qui gli impegni della squadra della Palestra UniCa. I ragazzi più grandi infatti stanno ultimando la loro preparazione all’interno delle mura amiche dello Stadio del Nuoto per difendere i colori casertani nei Campionati Italiani che si terranno a Reggio Calabria dal 10 al 12 giugno, quando 4 atleti della squadra scenderanno in campo per cercare di portare a casa il titolo più ambito e, nel caso di Roberta Desiderio, di difendere quello conquistato a dicembre in quel di Riccione.”