La Swim Academy ci mette l’esperienza, il Circolo Villani lotta ma non fa punti a Pagani

Il Circolo Villani in acqua
Il Circolo Villani in acqua

Niente da fare per il Circolo Villani nella seconda giornata del campionato di Serie C maschile di pallanuoto, girone campano. I samprischesi, privi di Caiazza e Longobardi ( i senatori del gruppo) e di Posillipo non riescono a superare l’ostacolo Swim Academy e nella partita serale della Drivers di Pagani escono sconfitti dalla vasca per 8-6, ma tenendo testa per lunghi tratti ad una formazione, quella di coach Fasano, costruita per il vertice con 4 ex Arechi (Serie A2) e con altri esperti in vasca. I gialloblù di coach Bove falliscono un paio di volte l’aggancio sul 4-4 e anche per il -1 ad una quarantina di secondi dal termine, fermati però, da una decisione dubbia dell’arbitro Guarracino. Nel primo quarto per almeno 3 minuti regna l’equilibrio, poi due piccoli errori del Circolo spianano la strada all’uno-due dei locali che segnano con Sicignano e Marrazzo (in superiorità) e il primo parziale è di 2-0 Swim Academy. Nel secondo periodo, invece, il Villani è attento e preciso Errichiello accorcia, Santoriello riporta il risultato sul +2 per i paganesi. E’ un batti e ribatti: Severino riporta sotto gli ospiti in power play, Buonocore riallunga e De Riso nell’ultimo possesso ospite sfrutta al meglio l’uomo in più (4-3). Sembrano eccessivi i controfalli fischiati al Villani in attacco. Al cambio vasca si presenta più determinato e il terzo parziale è di 2-1 per la Swim. D’Antuono al limite della superiorità e Rizzo vanno a segno per i locali ed in mezzo la rete di Foniciello. Sul 6-4 si va agli ultimi 7 minuti di gioco. Il Villani sente un po’ la pressione del risultato e va sul -4 e perde anche Arganese per definitiva. Rizzo e Sicignano ci mettono l’esperienza per l’8-4. La reazione del Circolo Villani, però, non si fa attendere ed oltre agli errori di precisione in fase conclusiva ci sono anche due reti in superiorità di Savinelli e De Riso. Quest’ultimo ha la palla del -1, ma in controfuga è ‘affondato’ dal portiere, che non viene espulso né si vede sanzionare con il 5 metri il proprio fallo. Questa forse la pecca più grande dell’arbitro, che tutto sommato, però, ha gestito bene il match, nonostante qualche fischio di troppo. Finisce 8-6 con qualche rimpianto per il Villani e con la consapevolezza di essere una buonissima squadra per la Swim Academy, prima a pari punti con lo Sporting Napoli (vittorioso in casa per 17-4 contro la Pallanuoto Salerno).

Soddisfatto il coach del Villani, Gigi Bove: “Mi è piaciuta la squadra – ha esordito il tecnico samprischese – e come si è comportata in acqua, ascoltando le direttive e reagendo bene a situazioni sfavorevoli. Contro una squadra del genere si poteva perdere con più scarto e invece a fine gara ho visto i miei ragazzi affranti. Abbiamo giocato senza Caiazza e Longobardi che anche se poco utilizzati possono farci fare il salto di qualità, e con 8 giocatori al di sotto dei 20 anni, ma con 15enni e 16enni in acqua. Sono tutto sommato soddisfatto, perché stiamo ponendo delle basi solide per un campionato tranquillo e per il futuro, assieme alla società che ci sostiene”, ha concluso Bove.

SWIM ACADEMY-CIRCOLO VILLANI   8-6   (2-0, 2-3, 2-1, 2-2)

Swim Academy: Desiderio, Santoriello 1, Rizzo 2, D’Antuono 1, Sicignano 2, Marrazzo 1, Buonocore 1, Russo, Vitiello, Genovese, Pepe, Napoletano, Iannello. All. Fasano

Circolo Villani: Altomare, Severino 1, Savinelli 1, De Riso 2, Errichiello 1, Dello Stritto, Foniciello 1, Buonanno, Ciaramella, Lippiello, Arganese, Brancaccio, De Marino. All. Bove

Arbitro: Guarracino

Superiorità: Swim Academy 2/6, Circolo Villani 4/7

Note: uscito per limite di falli Arganese (CV) nel 4T a 5’55”.