Anche la Sgrò A Rapallo, il Volturno acquista la Kucianova

Simona Abbate con Camilla Sgrò, passate al Rapallo
Simona Abbate con Camilla Sgrò, passate al Rapallo (Foto Vincenzo Di Monda)

Il mercato della pallanuoto femminile è attivo ed è alle battute finali in massima serie. Per quanto riguarda, invece, la cadetteria e quindi la Serie A2 femminile si va un po’ a rilento, così come negli ultimi anni. Stamattina abbiamo riportato il ritorno in A1 e a Rapallo di Simona Abbate dal Volturno. Concentrando l’attenzione proprio sul team sammaritano, che anche quest’anno giocherà nel girone Sud di Serie A2, riportiamo i movimenti in entrata ed in uscita, con uno sguardo anche alle trattative e ai ‘sogni’ sfumati. Con Simona Abbate a Rapallo si trasferisce anche la nipote, figlia di Nicoletta, Camilla Sgrò, 15enne promettentissima nel panorama nazionale. Sicuramente anche la cessione della Sgrò rappresenta una privazione non da poco per la rosa gialloverde. In più il portiere Alessandra Ventriglia, dopo l’esperienza a Messina, con Daria Starace, sarà girata in prestito all’NGM Firenze sempre in A1, società in fase di ristrutturazione. Proprio con la Starace è stato fatto un tentativo per riportarla dopo un anno nella città del Foro, ma questo si è rivelato vano. E’ sfumato per mancanza di contropartita tecnica, invece, il prestito di Maria Giovanna Pellegrino alla SIS Roma, passata in A1 d’ufficio, avendo rilevato il titolo del settore femminile della Florentia, che poi si è fusa con l’NGM Firenze. I passaggi azzardati e le forzature continuano, ma con altri precedenti nella storia recente della pallanuoto (basti pensare alle operazioni Latina-Civitavecchia in ambito maschile e Pro Recco-Rapallo in quello femminile). In questi due mesi di stop dai campionati Napolitano, coach nonché vicepresidente del Volturno, ha cercato di portare all’ombra dell’Anfiteatro pezzi da 90 del panorama nazionale, quali Teresa Frassinetti (che dal Rapallo è passata al Bogliasco), Federica Radicchi e Rosaria Aiello dell’Orizzonte, accasatesi poi al Messina. Nell’anno pre-olimpico non hanno voluto lasciare la Serie A1 per restare nel giro delle Nazionali. Frassinetti e Radicchi si sarebbero dette disponibili al trasferimento a Santa Maria Capua Vetere in caso la squadra fosse stata nella categoria superiore.

Monicka Kucianova, neo acquisto del Volturno (foto Facebook)
Monicka Kucianova, neo acquisto del Volturno (foto Facebook)

Intanto, però, il Volturno ha acquistato la mancina della nazionale slovacca Monicka Kucianova, che già lo scorso anno doveva trasferirsi in gialloverde, ma in seguito a problemi fisici il trasferimento slittò. L’arrivo della giocatrice è previsto per il 9 ottobre, nei giorni in cui il Volturno ricomincerà a lavorare a pieno regime. La società presieduta da Tatavitto resta alla finestra e sonderà ulteriormente il terreno in Italia e all’estero e magari si tornerà anche su qualche pista battuta in passato. Infine, dalla piscina Comunale del Parco Urbano trapela un’altra curiosità: il Volturno aveva fatto richiesta di ripescaggio nel momento in cui si era aperto uno spiraglio per le fusioni di NGM Firenze e Florentia, ma è stato respinto proprio per l’operazione della SIS Roma.

Cessioni:

Abbate (Rapallo)

Sgrò (Rapallo)

Ventriglia (NGM Firenze)

Valkai (fine attività)

Acquisti:

Kucianova