Il Centro si sblocca, Bari al tappeto

Il Centro Diana in azione contro Bari
Il Centro Diana in azione contro Bari (Foto Vastano – centrodianabasket.it)

Arriva la vittoria per il Centro Diana Casagiove che asfalta Bari e si rilancia prepotentemente in vista del girone di ritorno, ma soprattutto si dà la carica per affrontare al meglio l’importantissimo recuperò di martedì in quel di Sorrento in una gara che può valere una fetta importante di stagione. Arriva il bel gioco, la grinta sia in attacco che in difesa, l’equilibrio in tutte le fasi del gioco e ne esce una prestazione in crescendo dai toni altisonanti, dagli acuti netti e definiti dei violini sugli esterni e dalle percussioni potenti delle lunghe. Una gara che quasi musicalmente ricorda le Valchirie di Wagner, in cui dopo un inizio tenue esplode la forza e la potenza della musica così come sul campo arrivano canestri da ogni posizione. A guidare la vittoria ci pensano Anastasio con 20 punti, 5/6 dalla lunga distanza, grande carisma e leadership sul campo nel dare fiducia alle compagne e nel far sentire la sua voce. Non si può prescindere dalle sue prestazioni e stasera ne è stata la riprova. Monumentale la gara di Antonia Correra, che chiude con 18 punti (9/12 dal campo) e con 8 rimbalzi catturati, pur non giocando se non qualche minuto nel primo tempo, subito in panca per due falli. Benissimo De Luca, che lascia il suo segno sulla partita con penetrazioni ficcanti, grande reattività su ambo i lati del campo e quella personalità che la portano a realizzare 12 punti. Bene la coppia in cabina di regia con De Mauro che porta energia e punti con i suoi jump liftati, mentre Giannelevigna ci mette tanta esperienza e sacrificio, chiudendo anche lei a 5. Zampella, partita dalla panchina riesce ad entrare subito in partita e a dare al coach minuti di qualità nonostante l’influenza l’abbia condizionata in settimana, Popolo riesce a tenere da sola il reparto lunghe (che contro Adriana Pastore e Perrone è gran cosa) quando Correra è in panchina, con tanta dedizione. Natale gioca una partita in difesa encomiabile, spesso accoppiata anche lei alle lunghe avversarie, buttandosi a rimbalzo con tanto coraggio e dedizione. Una prestazione di squadra in cui contribuisce ciascuna delle atlete, con anche Politi che trova minuti e l’esordio stagionale per Chiara Iorio nel finale. Bari resta in partita per circa 18 minuti, ma poi è schiacciata dalla grande produzione offerta dalle ragazze di coach Moretti, bravo a gestire bene il ritmo e a scrivere sulla lavagna ottime spaziature in cui ciascuna trova il suo posto. Top scorer delle sue sarà alla fine la nervosissima Adriana Pastore, a quota 11, ma Ricercato (10), Perrone (8) e Liuzzi (7) trainano la squadra. Ribaltata anche la differenza canestri che nel computo della corsa al quarto posto è un dato che ora bisognerà guardare.

LA CRONACA: Pronti via ed il Centro parte alla grande. Jump di Popolo e tripla di Anastasio e primo break aperto. Correra segna ma subito incappa in due penalità ed è forzata in panchina, Bari ne approfitta e con una tripla ritorna a contatto. Il coraggio di De Luca in penetrazione e la solidità di Popolo vicino a canestro servono a portare punti importanti, ma Ricercato, Perrone e soprattutto Araneo con la tripla, scrivono solo 16-15 sul tabellone alla prima pausa. Inizio di secondo quarto da brividi per le casertane, con Adriana Pastore che ne mette 4 in un amen e Ricercato che trova il canestro che chiude uno 0-6 di break che regala a Bari il massimo vantaggio (16-21), ma la scossa arriva dalla difesa, con De Mauro brava a trovare il jump della scossa e Zampella, entrata dalla panchina che sfrutta il miss match in attacco e si prende fallo e canestro. Coach Ferrante prova a mettere la zona ma Anastasio lo fa desistere immediatamente con la bomba frontale, poco dopo ci pensano Giannelevigna dai 6,75 e Zampella a portare a 7 le lunghezze di vantaggio. Bari si risolleva col canestro di Delli Carri, ma sulla sirena il buzzer di De Luca in terzo tempo è un gancio da ko che scrive sul tabellone 34-27 al 20′. Il terzo quarto è un monologo delle padrone di casa. Correra, rientrata in campo dopo la panchina forzata, segna in vernice in qualsiasi modo, dando sfondo di un repertori di jump, ganci e semiganci da urlo. Anastasio crivella il canestro senza sbagliare un colpo dalla lunga distanza e non bastano le penetrazioni di Liuzzi a contenere lo scarto, che oramai supera abbondantemente la doppia cifra. Ancora Correra, stavolta in penetrazione, e ancora Anastasio, sempre dalla lunga distanza, continuano a fare il bello e il cattivo tempo, ma il definito break che chiude la gara è un 4-0 firmato De Luca. Il quarto periodo sembra una formalità dopo il 60-39 da cui si riparte, ma Monica Pastore e Perrone scrivono un 7-0 che spaventa coach Moretti che chiama timeout. La risposta arriva da Correra, che piazza sei punti che mandano in archivio la gara definitivamente, ma Casagiove non abbassa i ritmi, continua a difendere forte, specie considerando la verve “nervosa” delle baresi che non mollano un centimetro. Finisce 72-54, prima vittoria e ora sotto con la gara di Sorrento, un match che vale 4 punti.

CENTRO DIANA CASAGIOVE – PINK SPORT TIME BARI 72-54 

Casagiove: Correra 18, Anastasio 20, Zampella 4, Popolo 4, De Luca 12, De Mauro 8, Natale 1, Giannelevigna 5, Politi, C.Iorio. All.Moretti.

Bari: Araneo 3, Ricercato 10, Liuzzi 7, Delli Carri 3, Scaramuzzi, A.Pastore 11, M.Pastore 6, Favilla, Perrone 8, Sasso. All.Ferrante.

Parziali: 16-15; 34-27; 60-39