La Benefit gioisce con dieci medaglie conquistate

I cadetti della Benefit
I cadetti della Benefit

Un inizio che fa ben sperare quello che ha visto la squadra guidata dal Maestro Fusco ai campionati interregionali di combattimento cadetti nel Lazio. Seppur rimaneggiata da malanni che hanno colpito molti dei piccoli campioni partecipanti la compagine del Benefit Club non ha sfigurato, portando a casa ben 10 medaglie su 14 atleti, in una due giorni molto emozionante con ragazzini dai dieci ai quattordici anni che si battevano come consumati campioni del tatami. La parte del leone l’hanno fatta le ragazze, che hanno lasciato ben poco alle loro rivali conquistando 2 medaglie d’oro, 2 d’argento e 1 di bronzo. L’oro veniva dalla solita Aurora Lino che continua imperterrita a mietere successi e che anche stavolta non lasciava scampo alla brava atleta di Terracina nella -51kg cadetti B cinture rosse. Successo più sudato, ma non meno meritato, anche per Martina Heluani nella -38kg cadetti B cinture rosse che batteva l’atleta di Roma al Golden Point dopo che i 3 round regolamentari si erano chiusi sul punteggio di 1-1. Argento per Rebecca Menditto nella -34kg cadetti B cinture gialle, che passava senza troppa fatica la semifinale, ma si doveva arrendere in finale a una bravissima atleta pugliese. Altro argento per Beatrice Sellitto, -55kg cadetti A cinture rosse: anche lei dopo aver passato le semifinali in scioltezza col punteggio di 15-5 non riusciva a prendere le misure alla sua avversaria che si aggiudicava così il gradino più alto del podio. Bronzo per Lucia Martina Mauriello nella -34kg cadetti B cinture gialle, battuta in semifinale per un attacco d’asma, che non le consentiva di continuare un incontro ben gestito sin dall’inizio. Buona anche la prova dei ragazzi: Giuseppe Guida nella -45kg cinture cadetti B verdi e blu ritornava a vincere e a convincere dopo un anno, il 2012, passato senza molte soddisfazioni. Dopo aver superato abbastanza agevolmente le semifinali, si trovava a combattere in finale contro un bravo atleta pugliese che si aggiudicava il match prima della fine per abbandono quando il risultato era ancora sul 2-2. Ritrovato anche Giuseppe Zampella che perdeva una finale sempre in bilico per un solo punto nella -51kg cadetti B cinture gialle, dopo aver vinto con largo margine la semifinale. L’ultimo argento andava a Giuseppe Palazzo alla sua prima esperienza nei combattimenti nella categoria -45kg cadetti B2003 cinture gialle. L’atleta della sede distaccata dell’Alex Club di Camigliano condotta magistralmente dalla neo allenatrice Ester Sole passava le semifinali con un combattimento accorto, ma la troppa emozione gli giocava un brutto scherzo in finale, non consentendogli di conquistare l’oro. Bravo anche Luigi Giuseppino, sempre di Camigliano, anche lui alla prima gara di combattimento nella -51kg cadetti B2003 cinture gialle, che perdeva la semifinale 5-4 dopo aver attaccato per tutto l’incontro dovendosi accontentare del bronzo. Bronzo infine per Rosario Picozzi nella -51kg cadetti B cinture gialle che chiudeva l’elenco. Peccato per i 4 bravi atleti che sono tornati a casa a mani vuote, ma che già hanno fatto intendere di voler intensificare gli allenamenti al fine di arrivare a risultati simili a quelli dei loro compagni. E peccato infine per chi ha dovuto saltare la trasferta per motivi di salute: anche loro hanno promesso che si rifaranno alla prossima occasione.