Desiato, cuore del settore giovanile della Boys Sannicolese

Il presidente Giovanni Desiato

Lunedì scorso si brinda in casa Boys Sannicolese per l’inizio della scuola calcio. Un appuntamento sentito da tutti. Come in ogni primo giorno che si rispetti è toccato al massimo vertice presidentissimo Desiato augurare a tutti i ragazzi un grande in bocca al lupo per la stagione ricordando i principi  basilari della scuola : rispetto delle regola, della disciplina e massima professionalità. La sua passione per il settore giovanile è smisurata e risaputa. Passare interi pomeriggi al campo incitando e dando i giusti consigli fanno di Giovanni Desiato un’icona del settore giovanile. Tratta tutti i bambini come suoi figli e se li coccola ad uno ad uno. Un’altra stagione impegnativa è alle porte col massimo vertice societario pronto a rivelare i nomi dei suoi istruttori per la prossima stagione. Si parte dalle ultime 8 cessioni di ragazzi a società professionistiche : “Lunedì scorso è partita la nostra scuola calcio.  Il tempo in questa settimana è stato micidiale. Sono contentissimo perché si sono fermati i gruppi che io volevo con qualche nuovo innesto che proviene da altre scuole calcio. Purtroppo dobbiamo cominciare daccapo ma non fa nulla. Noi insegniamo calcio . Ce ne accorgiamo e vediamo come arrivano i ragazzi da altre scuole calcio. Bisogna lavorarci il doppio vicino. Lo facciamo volentieri per il bene dei bambini che crescano e si divertano. Devono essere seguiti dagli allenatori e visionatori giusti. Chi impara deve essere qualcuno che sa qualcosa ma non che si improvvisa. Ci stanno tanti improvvisati. L’attesa Non ho messo per la città nemmeno un manifesto : la gente sa chi fa scuola calcio e dove sta Giovanni Desiato al di là di qualcuno che si possa mettere in piazza a dire delle cose. Il 99% di quello che dicono è solo frutto di bugia e invidia. I talenti Martedì ho avuto un’altra bella notizia. Un altro ragazzo di SanNicola approda ai nazionali , in una squadra di serie C. Parlo di un sannicolese doc che ha cominciato con me. Lunedì scorso è partito per Viareggio ed è stato confermato. Parlo di Pierpaolo Izzo classe ’96 : parlo di un ragazzo che ha sposato la causa dall’inizio. Per chi lo fa , questi sono i risultati. Sono e lo dico chiaramente un po’ amareggiato per i ’96. Gli allenatori e i genitori  a volte fanno fare degli errori a questi ragazzini. E’vero che 4 ragazzi  ’96 come Viglione, Fonzino, Iadicicco  e Izzo sono partiti . Sono deluso perché un ’96 non può andare in una scuola calcio. Io capisco dell’affetto verso un allenatore ma un tecnico dovrebbe essere prima di tutto un papà dicendo chiaramente ai ragazzi cosa vanno incontro un domani. Sono per i giovani e vedo i vari Coppola, Paritario e Valente : mi piace lavorare con giovani seri . Non voglio allenatori che prima di sedersi a tavolino chiedono quanto prendono al mese o che dicono di portare 15 ragazzini pronti a seguirlo. Se un allenatore va in un’altra società deve essere preso esclusivamente come allenatore e non perché porta i ragazzi con sé. Dico loro di fare gli allenatori e di non rovinare questi ragazzini. Se va male vi portate dietro questi ragazzini. La scuola calcio è cosa molto seria. Fare e insegnare calcio deve essere fondamentale. Ogni ragazzino che c’è qui a San Nicola ha un altro modo di giocare o muoversi in mezzo al campo. Noi ci lavoriamo per farli divertire e crescere bene. Bisogna insegnare correttamente a giocare a calcio. La presentazione degli allenatori L’allenatore della juniores è Vincenzo Paritario. L’ho visto al primo anno con i ‘2000 . Ragazzo serio, lavora bene. Oggi è anche secondo in eccellenza. Non è detto che un domani non possa avere una sua chance. Premio chi lavora . Si trova lì perché è bravo e lavora tanto con i ragazzini. Prendo gli allenatori, fanno quello che vogliono e decidono un anno intero. Io il 30 Giugno decido :se non sono stati all’altezza della Vis San Nicola non resteranno a SanNicola. Per la categoria ‘2005-‘2006 ho scelto Simmaco Coppola. L’ho messo l’anno scorso vicino a Enzo Paritario per fargli fare esperienza.  Altro ragazzo col tesserino di educatore e allenatore. Non prendiamo persone improvvisate vicino ai bambini. Ci vuole gente seria e bravi allenatori oltre che veri educatori. Ci sa fare con i ragazzini ed era giusto dargli questa possibilità. Per quanto riguarda la categoria dei ‘2004 per il secondo anno consecutivo confermo una bandiera di San Nicola come Nicola Bottone già responsabile del Coni per la provincia di Caserta. E’un’istituzione ed è uno degli allenatori più importanti.  Per la categoria ‘2002-2003 abbiamo un altro grande allenatore come Alfonso Valente che non ha bisogno di presentazioni. Sappiamo che ragazzo è . L’anno scorso con i nostri ’98 ha dato la sua impronta a tutto il gruppo. Alla fine i risultati si vedono e lo ripagano del grande lavoro fatto. Dobbiamo  mettere i tecnici più bravi nelle categorie più piccole. I ragazzini si divertono quando sanno giocare. Per la categoria ‘2001 abbiamo un altro ottimo tecnico ,una mia personale scommessa. Parliamo di Salvatore Carfora che ha seguito tanti allenamenti. E’ bravo e son certo che farà benissimo.

Andiamo alla categoria dei ‘2000 affidata a mister Motta. Non ha bisogno di presentazione. Prima con  ’95 e poi con i ’99. Oggi abbiamo Dematteis ’95 che sta facendo molto bene a Catania. Abbiamo Di Lorenzo andato all’Aversa Normanna, Degli Innocenti attualmente in rosa alla Vis, Pistillo andato all’Aversa normanna. Motta ha fatto tre anni con i ’99 prendendoli dal nulla. Oggi vederli in campo è un piacere. I ’99 sono tra le squadre più importanti che possano esistere. Ci sono tanti ragazzini interessanti. L’erede di mister Motta è Bartolo Nero. Lo conosco benissimo, è stato 4 anni con me. E’stato con un’altra società, è rientrato. Da noi è definito il sergente di ferro, si da rispettare e trasmette tante cose ai ragazzi. Dopo 3 anni era giusto cambiare e credo che mister Nero possa essere il top degli allenatori che ci possa essere I ’97-’98 saranno allenati da mister Liguori  : è il volere dei gruppi dei due ragazzi che volevano essere allenati da lui. Parliamo di un allenatore tra i più seri in circolazione. E’ il mio uomo di fiducia e ricordo che l’anno scorso è stato pure responsabile della scuola calcio della Vis. Parliamo di un gruppo importante ed era fondamentale mettere un allenatore di pari importanza. Sto allestendo la categoria dei ’96. Nessuno sa niente, li sto facendo allenare e dico che di questa squadra ne vedremo parecchi in prima squadra o in qualche squadra professionistica. Il nuovo allenatore è importante e fino ad oggi ha lavorato con questo gruppo disputando i giovanissimi nazionali vincendo il campionato , ha fatto gli allievi regionali vincendo il campionato. Oggi doveva fare gli allievi nazionali e si trova a SanNicola.  Quanto prima lo annunceremo. Il responsabile del settore giovanile sarò io. Seguirò personalmente gli allenamenti e sin da sabato starà con me un personaggio importante. Un direttore sportivo di una squadra professionistica :guarderà i piccolini ‘2003-‘2004-‘2005. A giorni lo presenteremo. Nell’arco dell’anno lavoriamo sodo e abbiamo contatti con tante squadre professionistiche. Il mio piacere è dare quanti più ragazzi possibili. Devono avere pazienza e lavorare tanto. Prima o poi il grande giorno arriverà per tutti. Poche società hanno dato così tanti ragazzi a squadre professionistiche. Noi ne abbiamo dati otto. Quante società lo possono fare? Penso ai vari Di Franco, Coppola a LaSpezia, Zimbardi al Frosinone, Iadicicco a L’Aquila. L’ultimissima cessione di Izzo al Viareggio altra soddisfazione. Fonzino e Viglione al Riccione come di tanti altri ragazzi che giocano in società professionistiche. Da Torino a Catania molte squadre in rosa hanno giocatori di SanNicola. Lo staff tecnico Il preparatore dei portieri ha avuto tante richieste. E’ un ragazzo del maestro Giovanni Caropreso . Diamo il benvenuto a Sacha Lanci :lo vedremo quanto prima allenare nelle categorie importanti”.