Mirko Valentino soffre ma sconfigge Taylor

Domenico ‘Mirko’ Valentino

Con la voglia di vendicare quella medaglia lasciata per strada a Pechino 2008. Con la voglia, anche, di vendicare il compagno di squadra e conterraneo Parrinello sconfitto, la sera prima, sullo stesso ring da un pugile britannico. C’era tantissima attesa per l’esordio olimpico di Mirko Valentino (GS Fiamme Oro, 60 Kg – Bronzo Mondiali Baku 2011 e Argento Ankara 2011) che, negli ottavi di finale, sul ring dell’Excel Arena sfidava l’idolo di casa Josh Taylor, reduce dal bel successo contro il brasiliano Conceicao nel turno precedente. Al suono del gong il verdetto dice Valentino presentatosi all’evento con la capigliatura particolare con la scritta Italy sulla tempia destra. Partenza sparata di Valentino che mette subito a segno una bella serie di colpi al corpo. Il brittanico sfrutta l’altezza ed il maggiore allungo per tenere a distanza Mirko che chiude sul 4-3 dopo aver subito qualche colpo di troppo d’incontro ma dimostrando di essere superiore. Nel secondo round Valentino non parte benissimo ma la sua forza è evidente tanto che infila un paio di colpi che si fanno sentire su Taylor (scozzese di nascita). Seguono diversi ‘corpo a corpo’ dove il padrone di casa gioca d’astuzia per far vedere qualche colpo, ma Valentino tiene senza particolari patemi. Al suono del gong è 8-7 con l’incontro ancora pericolosamente in equilibrio. Sale il boato dell’Excel a favore di Taylor che spinge e va a caccia di Mirko che fatica a trovare il bersaglio. Arrivano una serie di ‘destri’ pesanti di Valentino ma il britannico non molla. Il match è spigoloso, duro e si arriva al gong: i giudici dicono 15-10 per Mirko.