Serie A1 pallanuoto, le due fiorentine si fondono nella Firenze Waterpolo

 

La Menarini Fiorentina Waterpolo ad inizio stagione

Forse era inevitabile viste le difficoltà economiche o per la difficile coesistenza in una sola città, anche se grande, di due realtà sportive di alto livello nello stesso sport. Dunque è notizia di oggi che la Menarini Fiorentina Waterpolo e il Firenze Pallanuoto si fondono per dare vita alla Firenze Waterpolo, trovando un punto d’incontro tra due rette che pareva non volessero incontrarsi. Presidente sarà Catellacci (ex patron NGM Firenze), mentre il vice Inches (Fiorentina), con la panchina affidata ad Andrea Sellaroli di provenienza Firenze. La Fiorentina dopo uno scudetto ed una Coppa Campioni nell’annata 2006/2007 si scioglie, attanagliata da problemi societari (che hanno toccato fortemente anche l’azienda farmaceutica che dava il nome alla squadra) che avevano visto l’addio di Gianni De Magistris, proprio durante il campionato per incomprensioni con la società, con la squadra affidata alla veterana Manuela Lavorini. Ora si può pensare ad un organico di assoluto livello, forse l’unico problema sarà rappresentato dalla Biancardi che aveva lasciato la Menarini proprio ad inizio della passata stagione per dei problemi di stalking da parte dell’ex vice allenatore, che fu anche tratto in arresto qualche mese fa. Fatto sta che adesso in A1 femminile di pallanuoto si libera un posto che con tutta probabilità sarà occupato dell’Ortigia Siracusa del presidente Marotta che verrà ripescata, come prassi vuole.  Ma dopo questo ultimo episodio si fanno sempre più insistenti le voci di un ri-allargamento del campionato a 12 squadre, nel quale potrebbe rientrare, sempre da ripescato il Volturno. Ricordiamo che depositato in Federnuoto c’è un documento ufficiale firmato da 9 su 10 società di A1 femminile di bloccare le retrocessioni (unica società non firmataria è stata l’Orizzonte Catania). Ma c’è anche qualche voce di dissenso che vorrebbe un massimo campionato ad 8 squadre o magari con meno compagini, così da renderlo inutile, anche se le spese sono tante e gli incassi sono pochi da parte delle società. Dopo il Nervi in rosa e l’Athlon Palermo dello scorso anno, dunque, scompare un’altra realtà importante, anzi due, le due fiorentine che diventano una (tra l’altro anche il Firenze ha avuto una storia travagliata con problemi legati alla mancanza di impianti a disposizioni, con picchi altissimi e retrocessioni). Vedremo ora cosa succederà per il Volturno e se questo benedetto rispecaggio avrà luogo alla fine di un campionato leggermente falsato non solo dagli Europei vinti dal Setterosa e dalla preparazione olimpica, ma anche da decisioni avvenute fuori dalla vasca che hanno scontentato parecchia società, ma proprio il Volturno più di tutte le altre. Di seguito riportiamo il comunicato stampa della nascita della Firenze Waterpolo:

“Per il campionato di serie A1 2012-2013 di pallanuoto femminile, Firenze avrà una sola squadra ai nastri di partenza. A seguito di un atto di impegno e collaborazione fra la Firenze Pallanuoto e la Fiorentina Waterpolo “al fine di ottimizzare le risorse umane e qualsiasi altro tipo di risorsa di entrambi per il raggiungimento del miglior risultato sportivo possibile dando lustro alla città di Firenze” è stato deciso di iscrivere al campionato una squadra che avrà la denominazione Ngm Firenze Waterpolo. Lo storico accordo fra le due società che ha visto come garante il vicesindaco e assessore allo sport Dario Nardella, è stato sottoscritto in Palazzo Vecchio dai presidenti della Firenze Pallanuoto Cipriano Catellacci e della Fiorentina Waterpolo Roberto Inches. Erano presenti anche il consigliere comunale Massimo Pieri, Gianni Gros in rappresentanza della Fin e il tecnico Andrea Sellaroli. “Oggi si concretizza un progetto atteso da tempo – ha sottolineato il vicesindaco Nardella – Un progetto ambizioso che darà nuovo slancio alla pallanuoto femminile nella nostra città, frutto della lungimiranza delle due società e della consapevolezza che lo sport sta cambiando. Per Firenze due realtà in serie A1 rappresentavano dispersione di energie e risorse. La domanda che ci siamo posti è stata: ci accontentiamo di due squadre che ottengono buoni piazzamenti, ma non vincono niente? La risposta è certamente no. In virtù di questo anche nella città dei Guelfi e Ghibellini si è deciso di unire le forze in una fusione che rappresenta un punto di forza e non di debolezza. Per questo come Comune di Firenze abbiamo svolto un ruolo di garante in questa operazione ed esprimiamo soddisfazione per questo accordo che andrà accompagnato e supportato”. La nuova realtà che si iscriverà al massimo campionato femminile di pallanuoto sarà guidata da una commissione composta da Cipriano Catellacci (presidente), Roberto Inches (vicepresidente) e dai consiglieri Leonardo Cecchi, Gianluca Mansani, Mario Vittorio Bigoli”.

La formazione schierata dell'NGM Firenze 2012