Il Volturno saluta l’A1, solo pari a Firenze

La delusione a fine gara del Volturno

Dalla speranza all’inferno in meno di due secondi. Questa è la sintesi della gara del Volturno contro l’NGM a Firenze. Un 17-17 trovato dalle padrone di casa ad un secondo dalla fine della partita, dopo una rincorsa delle gialloverdi ed il vantaggio trovato a 21 secondi dalla sirena finale. Il pari non basta alle Spartane che ritornano in A2, grazie (e si fa per dire) ai risultati a sorpresa delle altre gare. Bisogna, però, fare un passo indietro. Lunedì pomeriggio, con il Volturno già sulla strada per Firenze, arriva la comunicazione della squalifica per tre turni di mister Napolitano e per due di capitan Masciandaro. Dopo il proscioglimento dalle accuse dell’esposto del Bologna da parte della Commissione disciplinare con la richiesta di 2 anni di squalifica, la CAF concede il contentino al procuratore federale e quindi campionato finito qui per i due tesserati. Alle gialloverdi sembra tutto strano dato che per quasi 50 giorni il campionato è stato fermo e la decisione poteva arrivare prima, ma soprattutto perché l’ultima partita sarà proprio col Bologna. Senza tecnico sul piano vasca e profondamente scosso dall’accaduto il Volturno va in vantaggio con Pellegrino, ma Bartolini pareggia. La Guillet sfrutta la superiorità ed inizia la sua miglior partita dell’anno. Repetto e Bartolini in un amen ribaltano il risultato, poi un pallonetto di De Simone, Colaiocco per le locali, ancora Pellegrino e Biancardi portano il punteggio sul 5-4 per il Firenze. L’NGM conclude i 30 secondi palla in mano, le giocatrici credono sia finito il primo quarto e si distraggono con Starace che di furbizia segna da casa sua sulla sirena. Il Volturno soffre in difesa e becca un 6-3 di parziale che comincia con un rigore. Bartolini e Colaiocco segnano tre gol a testa, Valkai e Guillet (2) per le ospiti. Sul 10-5 sembrava finita, ma poi il Volturno ha ripreso a giocare. Il terzo tempo vede le gialloverdi imporsi per 5-3 (Starace, Ciccariello, De Simone, Guillet -2), con altri 2 rigori per le fiorentine. Da Bologna arriva la notizia della vittoria della Rari sulla Fiorentina per 8-6 e le gialloverdi si impongono 4-3 nel parziale (Valkai, Ciccariello, Starace e Guillet), ma la Valkai viene espulsa a 8 secondi dalla fine e Gautschi (tris) da sola appoggia in rete, spegnendo tutti i sogni del Volturno che torna in A2, data anche la vittoria dell’Ortigia sull’Orizzonte Catania per 13-10. Lacrime e delusione, anche se la retrocessione non è solo colpa di questo pareggio.

Un'azione della gara

NGM Firenze Pallanuoto – Volturno S.C.  17-17

(5-5, 6-3, 3-5, 3-4)

Firenze: Camiciottoli, Apilongo, Ferrini, Colaiocco 5 (1r), Biancardi 3 (1r), Repetto 1, Bartolini 5 (1r), Baldi, Schifter Giorgi T., Olimpi, Fantasia, Giannetti, Gautschi 3. All. Sellaroli

Volturno: Ventriglia, Valkai 2, Guillet 6, Starace 3, Giuliani, Pellegrino 2, De Simone 2, Ciampichetti, Di Monaco, Ciccariello 2, Anastasio, Stellato. All. Napolitano

Arbitri: Piano e Pinato

Note: uscite per limite di falli Ferrini e Valkai nel 4°T. sprint: 2-2. Superiorità Firenze 4/6 +3 rigori segnati, Volturno 3/8. Spettatori 50 circa con folta rappresentanza ospite.