Seconda Divisione: Perugia in rimonta sul Neapolis, colpi esterni di Fano e Chieti

Botta e risposta tra i grifoni e il Catanzaro. il Gavorrano non molla, Ebolitana a picco

Perugia sempre in vetta alla classifica

Non perde un colpo il Perugia che vince in rimonta sul campo del Neapolis allungando sulla Vigor Lamezia costretta al turno di riposo. Successo prezioso visto come si era messo il pomeriggio. Un’autorete di Zanchi aveva sbloccato il punteggio al 36’ del primo tempo. A capovolgere il risultato ci pensava prima Moscati con un sinistro a giro e poi il solito Clemente che piazzava la palla sul palo più lontano. Il Catanzaro risponde con Carboni e piega di misura l’Aversa Normanna. L’Aquila non riesce a sfondare il muro dell’Isola Liri che strappa un punto d’oro in Abruzzo. Clamoroso tonfo della Paganese ad Aprilia. I padroni di casa costruiscono il successo nelle battute iniziali grazie a Criaco e un rocambolesco gol di testa di Croce. Nella ripresa il tris firmato dal neo entrato Lacheheb. Non è stato semplice per il Gavorrano sbarazzarsi della Vibonese, ma alla fine i toscani consolidano la sesta posizione mantenendo le distanze dal Chieti. Nohman sul filo del fuorigioco arma il destro e fa secco il portiere calabrese. Gli ospiti non ci stanno e trovano il pari con Mastroianni che si fa trovare al posto giusto sugli sviluppi di un tiro da fuori area. Nella ripresa è ancora Mastroianni a firmare il sorpasso, ma in cinque minuti arriva la svolta: Fioretti manda a bersaglio il suo ventitreesimo centro stagionale e Pucciarelli si inventa il gol da tre punti che manda in crisi i rossoblù. Giornataccia per l’Arzanese travolta a domicilio dal Chieti. Tutti i gol nella ripresa con Pepe, Sabbatini e Alessandro che consentono ai neroverdi di scavalcare in classifica proprio i campani. Altra disfatta per l’Ebolitana sempre più destinata alla retrocessione. Il Fano passa 4-2 al ‘Dirceu’acuendo la crisi eburina. Eppure i locali si erano portati in vantaggio con un’autorete di Berretti al 32’. Il pari di Bartolini mandava le squadre negli spogliatoi in perfetta parità. Nella ripresa Berretti e Zebi ribaltavano il risultato. Corsino accorciava, ma in pieno recupero nuovamente Bartolini e quota 30 per i marchigiani. Ok anche il Giulianova che in casa batte 3-1 il Milazzo. I rigori di D’Aniello e Morga mettono in discesa l’incontro, chiuso nella ripresa dallo stesso Morga. Di Nicastro all’88 il gol della bandiera siciliana.