Gran carattere della Boys Casagiove, ma vince il Cus Avellino

La Boys Casagiove

Il risultato non dà ragione alla Boys Casagiove che tiene testa al Cus Avellino ma è costretta ad arrendersi 3-2. Match condizionato dal gran caldo, squadre non al completo eppure i giocatori non si sono risparmiati. Equilibrio nei primi minuti. Parente prova con un tiro ravvicinato ma Antonio Mazzarella è attento. Al primo affondo rossoblù in vantaggio grazie a Palmieri che da fuori fa secco Lepore. Gli irpini non demordono e riprendono ad attaccare. Il pari però giunge solo su calcio piazzato. Destro imprendibile di Lepore che vale l’1-1. L’ultimo sussulto della prima frazione di gioco è un tiro di Mandragora che si perde a lato. La ripresa inizia con una punizione di Marinetti neutralizzata dal portiere, poi Giaquinto si vede sventolare il cartellino rosso per proteste direttamente dalla panchina. I padroni di casa sembrano poter passare da un momento all’altro. Gran staffilata di Di Giovanni che il portiere blocca in due tempi. Giro e tiro di Petriccione e altra risposta di Lepore. Gli avversari invece colpiscono in contropiede con Marrone che in poco più di due minuti ipoteca la gara di andata. Di Giovanni non ci sta e accorcia. Non bastano due minuti di recupero per riagguantare il pari. Il Casagiove esce comunque tra gli applausi.

BOYS CASAGIOVE: Mazzarella, De Gennaro, Portone, Marinetti, Salvio, D’Onofrio, Vitale, Di Giovanni, Giaquinto, Palmieri, Petriccione, Carcas. All. Iannucci

CUS AVELLINO: Lepore, Preziuso, Milito, Venezia, Erba, Di Marzo, Mandragora, Galatafiore, Massa, Marrone, Giusti, Parente. All. Errico

ARBITRO: Del Giacco di Nola

RETI: 8′ Palmieri, 11′ Parente, 46′ e 48′ Marrone, 53′ Di Giovanni

AMMONITI: Portente, Petriccione, Giaquinto, Milito, Parente

ESPULSI: Giaquinto per proteste e Portente per fallo da ultimo uomo