Quella maglia baciata e una tifoseria ai suoi piedi: Alfageme sempre più idolo del popolo rossoblù!

Alfageme esulta baciando la maglia (Foto Giuseppe Scialla)

Due partite da titolare e due gol. Una maglia baciata dopo il raddoppio e al rientro negli spogliatoi. Messaggio chiaro a tutta la piazza: la Casertana è la seconda casa di Luis Maria Alfageme. Lo è sempre stata e il pubblico lo sa. Un legame forte con la piazza, la città, i tifosi, la gente che lo ha sempre osannato. Guarda caso è partito titolare due volte in campionato e ha fatto due gol. Troppo spesso è stato dimenticato in panchina, ma quando gli hanno dato fiducia il bomber argentino non ha sbagliato. Venticinquesimo gol con i falchetti, settantacinque presenze con una maglia che è ormai la sua seconda pelle. Batterà il record di presenze di Grosseto dove giocò 77 incontri. Luis lo ha dimostrato con i fatti che tiene veramente alla Casertana, la tifoseria se n’è accorta ed è veramente tutta ai suoi piedi. Luis, Luis, Luis gli gridano dalla tribuna, lui si esalta e ricambia segnando. Quattro gol in partite ufficiali (non dimentichiamoci la doppietta in Coppa Italia contro il Picerno). Se non gioca non può segnare e quando è in campo dall’inizio è una spina nel fianco di tutte le difese.

L’esultanza di Alfageme (Foto Giuseppe Scialla)