Il Volturno si complica la vita e l’Agepi ne approfitta per il blitz

Il gol di Starace nel secondo tempo

Suicidio sportivo per il  Volturno e penultimo posto sicuro nel girone Sud di A2 femminile di pallanuoto. Le sammaritane perdono in casa una partita rocambolesca, buttando al vento sia il vantaggio a fine terzo tempo, ma soprattutto gestendo malissimo i minuti finali di gara sul 7-7. Squalificato il coach, Salvatore Napolitano, le gialloverdi ritrovano Daria Starace. Si deve vincere per superare l’Agepi in classifica e arrivare con una griglia favorevole ai già sicuri play-out. Il Volturno parte bene segnando proprio con la Starace in controfuga e Stellato più tardi para anche un rigore a Troncanetti. Finisce 1-0 il primo parziale. Nel secondo tempo Nardini sfrutta subito la superiorità per le ospiti, impattando. Fatone lasciata sola al centro non perdona Cellucci, ma Troncanetti pareggia, prima del break Agepi con Tori che in tap-in raccoglie ai 2 metri una respinta di Stellato (2-3). Starace riporta in pareggio il match al termine di una doppia superiorità per le padrone di casa. E’ Llacja a portare avanti le sammaritane sul finire di tempo. Al cambio vasca si va sul 4-3.

Il gol di Tori per il 6-7 in controfuga

Parte subito bene il Volturno con Pellegrino in power play (5-3), Nardini si libera per il pallonetto che mette fuori causa il portiere locale. Sinigaglia pareggia, dopo una quarantina di secondi, dalla distanza. Fatone, però, fa mettere di nuovo il naso avanti alle ‘spartane’ con una rete da fuori in superiorità. Alla penultima sirena è 6-5. Ma gli errori delle locali cominciano ad essere tanti. Nell’ultimo quarto in 21” l’Agepi ribalta il match con Gargano prima e Tori in controfuga poi (6-7). Pellegrino sfrutta bene la superiorità per il pareggio a 5’14”. Dopo aver buttato al vento “l’uomo in più” il Volturno chiama time out, post espulsione ospite, con l’uno contro zero e la porta spalancata alla Starace, tra i mugugni del pubblico di casa. La successiva palla è giocata malissimo nonostante la giocatrice in più. Ci pensa poi Maggi, lasciata libera sul secondo palo a sfruttare la superiorità a 1’12” dal termine con una schiacciata vincente. Il resto è confusione e le ragazze di Steven Luotto portano a casa tre punti che permetteranno alle romane di giocare la seconda gara play-out in casa contro la penultima del girone Nord di A2. Per il Volturno l’ennesimo suicidio sportivo degli ultimi anni, invece. Con L’US Locatelli di Genova le ‘spartane’ si giocheranno la permanenza in A2, dopo la retrocessione e il ripescaggio dello scorso anno.

Il gol decisivo di Maggi per le ospiti

VOLTURNO-AGEPI ’97   7-8   (1-0, 3-3, 2-2, 1-3)

VOLTURNO: Stellato, Palmiero, Vitale, Starace 2, -, Pellegrino 2, Llacja 1, Abbate, Riccio, Masciandaro, Di Grazia, Fatone 2, Mallardo.

AGEPI ’97: Cellucci, Di Biagio, Gargano 1, Tori 2, Sinigaglia 1, Troncanetti 1, Vargas, Mandelli, Palmer, Nardini 2, Maggi 1, Abrizi, Casciani. All. Luotto

ARBITRO: Guarracino

Superiorità: Volturno 4/8, Agepi 3/7 + 1/1 rig.

Note: Masciandaro (V) espulsa definitivamente a 5’48” del 4T. Sprint 3-1 Volturno. Spettatori 50 circa.