La Juniores dell’Aversa senza guida tecnica, mister Borrelli: “Impossibile lavorare in certe condizioni. Ecco perchè mi sono dimesso”

Mister Antonio Borrelli

La sconfitta interna contro la Gelbison ha fatto scattare il campanello d’allarme. Una sirena che non ha smesso di suonare praticamente da inizio anno. Antonio Borrelli ha così lasciato la guida della juniores dell’Aversa Normanna. Una decisione inevitabile per una serie di problematiche svelate dallo stesso allenatore. “Mi sarei dovuto dimettere mesi fa perché ho dovuto sempre lavorare in condizioni molto difficili. Da ottobre non ho potuto più avere i portieri né il preparatore. Chi c’era si allenava con la prima squadra e di fatto senza estremo difensore non è calcio. Mi sono ritrovato senza collaboratori perché non c’erano più le condizioni economiche per proseguire. Rosa limitata con appena tredici-quattro elementi, continue pressioni su scelte tecniche che sarebbero dovute essere di mia competenza e brutte figure ogni settimana. Sabato dopo la partita con la Gelbison ho gettato la spugna. Una squadra importante come l’Aversa non si può permettere di avere una juniores in queste condizioni. Forse qualcun altro avrebbe continuato, ma io voglio fare le cose nel migliore dei modi. Ho allenato il settore giovanile del Napoli sotto la presente gestione Grava, allenato le giovanili della Casertana e ho militato anche in piazze importanti della categoria. Ho così deciso di fermarmi e di dire basta perché era veramente impossibile proseguire in queste condizioni”.