Passo falso Volturno, il 3T si prende la vittoria con la forza

Daria Starace del Volturno 4 gol ed un’espulsione (foto: Sportcasertano/Marco Falco)

Un passo indietro rispetto alle prime uscite stagionali ed a tratti è sembrato vedere il Volturno dello scorso anno, senza grinta e deconcentrato. Così, le gialloverdi sono uscite sconfitte dalla vasca amica per 5-8, ad opera di un coriaceo e molto fisico 3T Sporting Club. Troppi errori e troppo nervosismo, dettato anche dalla marcatura ‘ad uomo’ delle laziali di coach Muro Birri, ma anche dai troppi errori in fase conclusiva (quando le fasi d’attacco non erano prevedibili) e dalle dimenticanze difensive. Il 3T si è portato addirittura sul 6-1 a 3’36” dalla fine del secondo quarto. Napolitano deve ancora fare a meno della giovane centroboa Riccio, infortunata ad un ginocchio, per il resto il Volturno è al completo. Dopo il minuti di raccoglimento per la scomparsa dell’Oro di Roma ’60 col settebello, Spinelli, si parte ed il 3T Sporting Club apre le danze con una palomba di Fabbri, subito dopo è Mandara a battere Stellato, Fatone accorcia su rigore, ma è Piazzolla a fissare il primo parziale sul 3-1 ospite. Nel secondo tempo Giulia Fabbri in controfuga da sola batte a rete il +3, ma il break lo tiene ancora aperto un pallonetto di Rovetta, prima della controfuga finalizzata da Tomassini per il 6-1 della formazione romana. Starace accorcia su rigore e poi ancora la numero 4 gialloverde segna un gol splendido con una parabola impossibile da parare per l’ottima Messina.

Il rigore di Giulia Fabbri per il 5-8 finale (foto: Sportcasertano/Marco Falco)

Dopo il cambio vasca il Volturno va ancora in rete con il tris della Starace (superiorità), ma la travrsa-rete di Di Marcantonio rimanda di nuovo a -3 il Volturno. C’è tempo per le proteste del pubblico di casa per un gol fantasma di Pellegrino, ma probabilmente Messina aveva salvato sulla linea immaginaria di porta. L’arbitro Lepre lascia giocare. Nell’ultimo quarto ancora Starace in controfuga porta a -2 le ‘spartane’, ma a metà tempo circa l’esperta giocatrice sammaritana si fa espellere assieme a Mandare per doppia brutalità, Lepre concede il doppio rigore: Pellegrino colpisce il palo, Fabbri spiazza Stellato. La partita si conclude virtualmente con l’ottavo gol ospite. Fino alla fine, infatti non si segnerà più, col Volturno che spreca un altro paio di occasioni, al paio del 3T. Una gara giocata sotto ritmo dalle padrone di casa, che hanno sofferto la fisicità della compagine di Frascati di stanza a Roma, che ha conquistato anche tutti gli sprint di inizio tempo. Napolitano, sicuramente non soddisfatto a fine gara, deve lavorare ancora sulla gestione della concentrazione delle più giovani, che non devono avere paura di tirare e cercare di farlo anche nel miglior modo possibile.

Le squadre schierate a bordo vasca (foto: Sportcasertano/Marco Falco)

VOLTURNO-3T SPORTING CLUB  5-8  (1-3, 2-3, 1-1, 1-1)

VOLTURNO: Stellato, Palmiero, Vitale, Starace 4 (1rig.), Di Caprio, Pellegrino, Llacja, Abbate, – , Masciandaro, Di Grazia, Fatone 1 (1rig.), Mallardo. All. Napolitano

3T SPORTING CLUB: Messina, Di Pinti, Di Marcantonio 1, Passa, Bartolucci, Pizzolla 1, – , Fabbri 3 (1rig.), Tomassini 1, Mandara 1, Rovetta 1, Riva. All. Birri

Arbitro: Lepre di Napoli

Superiorità: Volturno 1/6 + 2/3 rig., 3T 1/2 + 1/1 rig.

Note: Espulsione definitiva per Bartolucci (3T a 3’09” 4T). Espulsione per doppia brutalità Starace (V) e Mandara (3T) a 3’01” 4T. Sprint 4-0 3T. Spettatori 150 circa.