Il San Michele Maddaloni sbanca Bellizzi e ritrova il sorriso

Coach Parrillo durante un timeout (Foto San Michele Basket Maddaloni)

La Pallacanestro San Michele Maddaloni espugna il PalaBerlinguer di Bellizzi dopo un match che l’ha vista sempre al comando. Oltretutto i biancazzurri hanno dovuto rinunciare a Salvatore Desiato, che non è riuscito a recuperare dalla botta al tallone d’Achille rimediato nel derby con San Nicola. Per questo è partito in quintetto Antonio Cioppa, utilizzato per ben 34′ e capace di dare ritmo alla squadra con poche sbavature anche se – per la posizione ricoperta – è stato più volte messo alle corde dagli avversari. Maddaloni sin dalla palla a due impone il proprio gioco, alternando soluzioni sia vicino al canestro che dal perimetro. I padroni di casa faticano a trovare tiri puliti perché gli ospiti fanno la differenza anche nella metà campo difensiva. E così quando Requena e Ragnino infilano dall’arco dei 6,25 in rapida successione i maddalonesi provano il primo allungo (14-25). Il secondo quarto è segnato da tanti errori e palle perse da entrambi i lati. Sono le triple di Moccia che mantengono Maddaloni con il naso avanti, e anche quando Bellizzi arriva ad un solo punto di svantaggio (32-33) ci pensano prima Ragnino con la penetrazione e poi Cioppa con il contropiede a riallargare la forbice sul più cinque. Il canestro di Requena manda le squadre negli spogliatoi e fissa il punteggio sul 36-43.

Al rientro sul parquet è ancora Moccia a rendersi protagonista con un break personale di 0-5 che permette di toccare nuovamente il massimo vantaggio sul 38-49. I biancazzurri potrebbero addirittura scappare se solo la mira dalla linea della carità fosse precisa. Ma il 13/24 permette agli avversari di restare in gara. Sul finire della terza frazione Bellizzi prova a spingere per recuperare, ma l’ultimo periodo si apre con il tiro pesante di Ragnino (51-60). Pian piano però i padroni di casa entrano in trans agonistica, mentre i maddalonesi perdono ritmo e faticano più del dovuto. Al 34′ Bellizzi realizza la tripla del meno uno, e il parziale continua sino a toccare il più cinque (69-64). Per di più viene fischiato fallo tecnico per proteste a coach Parrillo per aver concesso un canestro ai padroni di casa quando il pallone era stato chiaramente toccato con un piede. Con 4′ alla fine della partita, i biancazzurri fanno un timeout al centro campo e lì cambia di nuovo la gara. Rusciano prima fa a sportellate nel pitturato e con grande astuzia appoggia al vetro; poi viene lasciato libero di tirare dal perimetro e non perdona pareggiando a quota 69. Bellizzi si vede chiamare un tecnico per simulazione, e Moccia è glaciale chiudendo un gioco da tre punti che a due giri di lancette dalla conclusione rimette a posto la situazione. Il tap-in di Requena (69-74) chiude i giochi, anche se c’è il tempo per i padroni di casa di segnare dalla lunga distanza per rendere il passivo meno negativo.

Basket Bellizzi- Pall. San Michele Maddaloni 72-76

Parziali: 17-25; 36-43; 51-57.

Bellizzi: Spinelli 6, Ferrigno 12, Ciliberti n.e., Bassano 5, Valentino 2, Dondur 10, Di Mauro 5, Sconza n.e., Trapani 5, Esposito 27, All. Orlando, Ass. Menduto.

Maddaloni: Requena 11, Ragnino 11, Bocciero n.e., Cioppa 9, Spallieri, Moccia 25, Pascarella, Della Peruta 1, Rusciano 14, Chiavazzo 5, Cerreto n.e., All. Parrillo, Ass. Dandolo.

Arbitri: Danilo Correale di Atripalda (AV) e Giovanni Cusano di Avellino.

Note: Falli tecnici a Spinelli (29′), Requena (29′), Parrillo (36′). Espulso Spinelli (37′). Falli antisportivi a Chiavazzo (15′) e Trapani (26′)