Gladiator, silenzio assordante tra le due parti. D’Anna attende risposte dal sindaco Mirra. Intanto Corvino lancia un messaggio forte e chiaro ai sammaritani

Il Sindaco Mirra

SANTA MARIA CAPUA VETERE – Nessun contatto tra la famiglia D’Anna e gli imprenditori sammaritani. Anche oggi, così come nei giorni scorsi, resta intatta la distanza tra le due parti, venditori ed acquirenti del titolo del Gladiator. Non si può parlare di vera e propria negoziazione poiché, dal 23 aprile in poi, le due parti non si sono più incontrate né chiamate. Fatta eccezione per i contatti con Luisa Colandrea, gli attori principali di questa vicenda non hanno più avuto modo di dialogare e questo, di per sé, è un problema bello grosso.

IL GELO. Tramite interviste e comunicati, in queste ultime settimane, le due parti stanno palesando il proprio pensiero, regalando anche nuove aperture alla trattativa che non sempre vengono prese in considerazione dalla controparte. Così come la ritrattazione della famiglia D’Anna su una delle due tribune prefabbricate di 42.700 euro, a cui non ha fatto seguito la tanto attesa risposta degli imprenditori sammaritani. Anzi, si sono aggiunti altri argomenti, la vertenza e debiti minori, che rendono ancora più ingarbugliata la vicenda.

L’ATTESA DEL SINDACO MIRRA. Nel frattempo, il direttore generale Salvatore Bruno D’Anna ha chiamato in causa anche il sindaco di Santa Maria Capua Vetere Antonio Mirra. Nell’intervista rilasciata a Passione Sport, il rampollo della famiglia D’Anna ha rivelato di aver ricevuto una chiamata dal primo cittadino ed ora è in attesa: “Sollecitati dal Sindaco di Santa Maria Capua Vetere Mirra, mio padre ha chiesto qualche giorno di tempo di attesa allo stesso Corvino per il rispetto della città, dei tifosi del primo cittadino. Purtroppo quei tre giorni chiesti dal Sindaco sono aumentati e non ci sono stati ulteriori contatti”.

L’INTERVENTO DI CORVINO. Il tempo scorre velocemente e si corre il rischio a Santa Maria Capua Vetere che il titolo venga prelevato da Pasquale Corvino. Dalle parole utilizzate dal dg, s’intuisce che la trattativa con la famiglia D’Anna è ancora aperta, però bisogna vedere fino a quando Corvino è disposto ad aspettare. Inizialmente, infatti, sembrava che l’imprenditore casertano avesse stoppato tutto, ma le parole precedenti di D’Anna hanno fatto capire che quello attuale è un tempo di attesa. Ascoltato in merito a questo discorso, però, Pasquale Corvino chiude ogni possibilità ai nostri microfoni: “Ho tentato di prendere il titolo, poi mi sono tirato indietro per le problematiche derivanti dal fatto di portare via il titolo del Gladiator da Santa Maria Capua Vetere. Se il calcio scomparirà dalla città dell’Anfiteatro, sarà colpa dei sammaritani”. Nelle prossime ore capiremo se le sue parole sono verità o depistaggio.