Il Volturno vince in rimonta, l’Ortigia si arrende al gran cuore delle gialloverdi

L’esultanza di Alessia Fatone autrice di tre gol

Vince e continua a sperare il Volturno che nella sedicesima giornata del campionato di A2 femminile regola 12-9 l’Ortigia Siracusa e mantiene accesa una flebile fiammella di salvezza diretta. A fare la differenza le maggiori motivazioni con le ospiti ormai fuori dai giochi playoff e salve da tempo, campane alla disperata ricerca di punti. Eppure le siciliane sono partite decisamente meglio piazzando uno micidiale 0-3 con Battaglia, Amato e Gottardi. Dopo il rigore di Fatone, angolato destro di Battaglia e Mastrantoni non ci arriva (1-4). Pellegrino chiude al meglio una controfuga e la spettacolare palomba di Starace manda in archivio il primo quarto. Nel secondo botta e risposta Pellegrino-Battaglia, poi le difese si chiudono e gli attacchi sbattono contro un muro. In panchina Napolitano prova a catechizzare le sue, Ayale si divide tra campo e panca ma nel terzo periodo cambia la musica. Fatone è glaciale dai cinque metri, poi Pellegrino ringrazia Starace per l’assist e manda per la prima volta il Volturno avanti (6-5). Non c’è reazione siciliana e al resto ci pensa Mastrantoni che abbassa la saracinesca. Poi Starace e Rajkort (in superiorità) allungano sull’8-5.

Daria Starace, come sempre decisiva con le sue reti

Ma il solito calo mentale delle gialloverdi rischia di rimescolare le carte e in sessanta secondi Rella segna due gol in fotocopia sfruttando al meglio l’uomo in più. Il Volturno deve vincere per far restare aggrappato alla speranza della salvezza diretta e si ripresenta nell’ultimo tempo decisamente più combattivo. Rajkort e Fatone consentono alla squadra di respirare (+3 a metà tempo). Un gran tiro di Amato da fuori prova a tenere a galla l’Ortigia che subisce da Starace la doppietta decisiva. L’ultimo sussulto lo dà Cassone in superiorità ad una manciata di secondi dalla conclusione. Finisce 12-9, il Volturno rivede la luce e abbozza un sorriso anche se la strada per la permanenza in A2 rischia seriamente di passare attraverso i playout.

All’Ortigia non è bastata Alessandra Battaglia

VOLTURNO: Mastrantoni, Di Caprio, Kucianova, Starace (4), Abbate, Pellegrino (3), Vitale, Rajkort (2), Riccio, Masciandaro, Di Grazia, Fatone (3), Llayca. All. Napoli

ORTIGIA: Ignaccolo, Cassone (1), Gottardi (1), Schiavone, Prestes, Battaglia (3), Rella (2), Amato (2), Ayale, Natale, Caracciolo. All. Ayale

ARBITRO: Gomez di Napoli

PARZIALI: 3-4; 1-1; 4-2; 4-2