Le decisioni del giudice sportivo: nel girone C di Lega Pro fermati in sei, Taranto e Siracusa multate per petardi

Lavoro straordinario per il giudice sportivo di Lega Pro. Dopo il turno infrasettimanale del girone C arrivano le decisioni per club e tesserati. Domenica si torna in campo, ecco quanto decretato: sei gli squalificati e cinque club multati.

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA PER RECIDIVITA’ IN AMMONIZIONE (V INFR)

POZZEBON DEMIRO (CATANIA SPA)

CURCIO FELIPE (FIDELIS ANDRIA 1928 S.R.L)

VICENTE BRUNO LEONARDO (MELFI S.R.L.)

CATANIA EMANUELE (SIRACUSA CALCIO S.R.L.)

TISCIONE FILIPPO (UNICUSANO FONDICALCIO SRL)

GIUFFRIDA GIOVANNI (VIBONESE CALCIO S.R.L.)

AMMENDE:

€ 2.500,00 TARANTO F.C. 1927 S.R.L. perchè propri sostenitori introducevano e facevano esplodere nel proprio settore un petardo di notevole potenza, senza conseguenze; i medesimi, durante la gara, intonavano cori offensivi verso le forze dell’ordine e l’istituzione calcistica.

€ 2.000,00 SIRACUSA CALCIO S.R.L. perchè propri sostenitori introducevano e accendevano nel proprio settore un petardo che lanciavano nel settore occupato dai sostenitori avversari ove esplodeva, senza conseguenze.

€ 1.000,00 CATANZARO CALCIO 2011 SRL perchè propri sostenitori, durante la gara, lanciavano sul terreno di gioco una bottiglietta piena d’acqua, senza conseguenze.

€ 1.000,00 LECCE SPA perchè propri sostenitori introducevano e accendevano nel proprio settore numerosi fumogeni, alcuni dei quali venivano lanciati nel recinto di gioco, senza conseguenze.

€ 500,00 PAGANESE CALCIO 1926 SRL perchè durante il secondo tempo della gara venivano asportati dagli spogliatoi della terna arbitrale denari ed altri effetti personali (obbligo risarcimento danni, se richiesto).