Una Decò Caserta presuntuosa e senza idee si butta via regalando la vittoria a Reggio Calabria

Hassan in entrata (Foto Gianfranco Carozza)

I numeri parlano da soli: appena due rimbalzi offensivi (contro i 14 calabresi), valutazione di squadra nettamente inferiore a quella della squadra avversaria (87 contro 60), e ben 15 palle perse nel match (contro le 10 di Reggio Calabria). Dopo la batosta di Coppa Italia arriva anche una ‘tremenda’ sconfitta in Calabria contro la Viola. I bianconeri, arrivati a questo match con la voglia di dare forza al primato in classifica, incappano in un match dominato per un tempo. Prima di subire la rimonta calabrese che spinta da un pubblico caldissimo riesce a trovare le energie necessarie per un break sul finale che regala 2 punti e la gioia per un successo che da Reggio Calabria definiscono ‘storico’.

PRIMO QUARTO. Dip, Bottioni e Ciribeni lanciano subito la Decò: in 77 secondi è già 0-6. Petrucci e la splendida tripla di Hassan lanciano immediatamente Caserta su un buon vantaggio di 9 punti (11-20) che porta coach Oldoini a guardare con fiducia agli ultimi minuti del parziale, con una squadra, quella bianconera, che sembra aver già dimenticato la sfida di Coppa Italia. Carnovali da 3, ma Petrucci non vuole essere da meno: 14-23. E con questo risultato le due squadre si siedono per un break in panchina prima di iniziare il secondo quarto.

SECONDO QUARTO. Pronti via e Dip va a canestro. Petrucci piazza un gioco da tre con canestro e tiro libero a segno (dopo un fallo subito) e Caserta ‘doppia’ gli avversari (14-28). Sergio piazza il +15 (16-31) che diventa +18 quando Ciribeni trova la traiettoria perfetta dalla lunga distanza. Ed è 16-34. Sei punti di fila della Viola Reggio Calabria (22-34) e coach Oldoini chiama time-out. Al rientro in campo subito la bomba di Pasqualin che manda indietro gli avversari (22-37). E’ però Fall a caricarsi la sua squadra sulle spalle e grazie anche al canestro di Vitale si torna negli spogliatoi per l’intervallo lungo con Reggio Calabria sotto di ‘appena’ 8 punti (30-38).

TERZO QUARTO. Dip e Ciribeni provano immediatamente a mettere le cose al proprio posto (30-42). Ma Reggio Calabria non ci sta e davanti al proprio pubblico non ne vuole sapere di mollare: Fall, Carnovali e Vitale con una splendida tripla regalano addirittura il -3 alla Viola padrona di casa (44-47). Sembra un incubo per i bianconeri. Si va avanti punto a punto, fino al canestro di Petrucci sull’ultimo possesso che porta la sfida sul 49-54 a 10 minuti dalla fine.

ULTIMO QUARTO. Bastano 14 secondi a Vitale per piazzare il suo ottavo punto (51-54). Ed è Carnovali (il migliore, con Fall, dei suoi) a riportare ad appena una lunghezza la Viola Reggio Calabria con una tripla che vale il 55-56. Agbogan mette ancora di più in crisi la Decò: ancora un tiro dai 6,75 e primo vantaggio calabrese al 34’ (58-56). I bianconeri sono tramortiti ma reagiscono subito grazie ad un eccezionale Hassan: bomba più incursione vincente e Caserta torna nuovamente +3 (58-61). Si torna in parità, quindi, a 61. Entrambe le squadre sono in bonus di falli. Ma la gara è caldissima. Bottioni riesce a sbagliare 2 tiri liberi su 2. E per un minuto e mezzo non si muove il tabellone. Fall, a 24 secondi dalla fine, trova il canestro e subisce fallo. Va in lunetta e sigla il 68-65. Il pallone del pareggio va nelle mani di Hassan: tiro da 3, ma è solo ferro. Vitale recupera palla e subisce fallo: 2/2 dalla lunetta. Finisce 73-67.

ANDREA TERRACCIANO