IL RITORNO DI AMOROSETTI. Mondragone-Casoria, gara tra la garra domitiana e l’ordine tattico viola

Aldo Papa del Mondragone (foto Mario Fantaccione)

MONDRAGONE – Dal Casoria al Casoria, domenica mattina è in programma alle ore 11 al “Conte” di Mondragone la gara valida per 21° giornata del girone A di Eccellenza. Si affrontano due squadre alla caccia di punti importanti per i rispettivi obiettivi di classifica. Un girone fa questa gara segnava l’esonero del tecnico Gianni Formicola sulla panchina del Mondragone, una decisione maturata dopo un inizio campionato tutt’altro positivo e la sconfitta, seppur di misura, contro i viola ha segnato il passo per l’ex allenatore del Virtus Volla. Obiettivi stagionali differenti, il Mondragone arriva però da dieci punti nelle prime cinque gare nel girone di ritorno un ottimo bottino di punti che ha permesso alla squadra domitiana di salire a quota 25 punti e mettersi a +7 sulla quintultima in classifica, posizione ora occupata dalla Flegrea. I punti di vantaggio sono “quasi” otto visto lo scontro diretto favorevole alla società del presidente Del Prete, per la salvezza matematica e tranquilla i granata dovranno aspettare ancora qualche tempo e continuare sulla strada finora percorsa.

Mister Ciro Amorosetti

Il ritorno. Sulla panchina del Casoria quasi da inizio stagione c’è una vecchia conoscenza della città di Mondragone, c’è Ciro Amorosetti che nel settembre del 2016 subentrò a Vincenzo Nutolo sulla panchina granata. Con mister Amorosetti in panchina il Mondragone raggiunse una salvezza tranquilla nel 2016/2017 salendo a quota 35 punti, ma a fine anno le strade si sono seperate. Un ritorno a Mondragone per l’ex tecnico di Virtus Carano, Quarto e Giugliano alla ricerca di punti preziosi per cercare di agguantare la miglior posizione possibile in vista dei play-off, la prima piazza è distante undici punti, troppi a dieci giornate dalla fine. Domenica mattina da una parte ci sarà la grinta del Mondragone, coltello tra i denti e caccia alla salvezza, mentre dall’altra parte il Casoria di Amorosetti con il solito ordine tattico e qualità per l’assalto ai play-off, gara da non perdere.