IL “SOLITO” GLADIATOR NEI MINUTI FINALI. Neroazzurri raggiunti due volte dall’Afro Napoli United

Luigi Velotti e Vincenzo Liccardi, entrambi in rete (foto Ufficio Stampa ASD Gladiator 1924)

VITULAZIO – Il Gladiator inizia il 2019 con un pareggio pieno di amarezza. Con lo stesso copione di altre partite, i neroazzurri di Giovanni Sannazzaro si portano in vantaggio due volte ed in entrambi i casi vengono raggiunti dall’Afro Napoli United, nei minuti finali delle frazioni. Termina così 2-2 lo scontro diretto del 17° turno, che si è giocato in via eccezionale allo stadio “Comunale” di Vitulazio, a causa dell’indisponibilità del “Mario Piccirillo” di Santa Maria Capua Vetere. Un grande rammarico per i sammaritani che non riescono a gestire il vantaggio ed ora scendono al quinto posto in classifica, a quota 30 punti, con due lunghezze di vantaggio sulla compagine multietnica.

PRIMO TEMPO. Il Gladiator entra in campo con l’intenzione di far rispettare il fattore campo. Su azione di calcio d’angolo dell’Afro, De Lucia salva sul corner di Dodò e dà il via al contropiede. Biancoverdi in proiezione offensiva, perfetta è l’imbucata di Scielzo per Di Paola che, tutto solo in contropiede, scarta il portiere ospite ed a porta sguarnita sigla il suo settimo sigillo stagionale (10′). Replicano gli ospiti con la punizione dal limite di Dodó che esce a lato (17′). Dopo alcune azioni non concretizzate dai padroni di casa, sale in cattedra l’ex Lecce Babù. Sulla fascia destra mette in difficoltà Lombardi che si difende come può: al 24’ il calciatore che ha calcato il palcoscenico della Serie A se ne va in progressione e mette al centro per Sogno: il numero 9 sta già caricando il tiro quando arriva l’intervento provvidenziale di Pesce che in scivolata intercetta il pallone e salva. Neroazzurri pericolosi nel finale. Dal limite dell’area girata di Pesce che cerca l’angolino: Riccio respinge con la mano piena (41′). Due giri di lancette dopo Liccardi riceve palla, trova lo spazio del tiro ed esegue una grande conclusione: tiro alto (43′). Altra grossa occasione al 44’, quando sul passaggio di Vitiello, Riccio sbaglia l’intervento e la palla sfila sulla linea, senza che nessun attaccante sammaritano sia nelle vicinanze. In virtù del dolore accusato da Dodò, l’arbitro decreta quattro minuti di recupero ed all’ultimo istante si materializza la paura neroazzurra. Su una punizione di Marigliano, che ha innescato tante polemiche in virtù del fallo dubbio su Babù, è perentorio il colpo di testa di Velotti che firma il pari (49’ pt). All’intervallo è enorme la rabbia per l’ennesimo goal subito nei minuti finali del tempo.

SECONDO TEMPO. Ad inizio ripresa i neroazzurri partono nuovamente forte. Con il giusto atteggiamento, Liccardi lavora un bel pallone, passa la palla a Di Paola che tira a giro: palla leggermente alta (51′). Partita giocata a viso aperto da ambo i lati, con i tiri che si ripetono. Ci provano Di Paola, Vitiello e Sogno ma la sfera esce sempre a lato. Partita vivace ed al 71’ accade l’episodio che potrebbe cambiare la partita. Di Paola viene atterrato dal neo entrato Conteh e l’arbitro concede il rigore. L’Afro Napoli United protesta vivacemente perché, ad avviso dei calciatori biancoverdi, il fallo è avvenuto fuori area. L’arbitro non cambia idea e dal dischetto Liccardi trasforma il penalty nonostante l’intuizione di Riccio (71′). Ritorno al goal del Toro neroazzurro che festeggia insieme ai propri tifosi. Sulle ali dell’entusiasmo l’attaccante ex Ebolitana che, autore di una prestazione all’altezza del suo blasone, calcia dal limite: palla fuori (72’). I neroazzurri sembrano amministrare il vantaggio ma nel finale arriva una nuova amnesia. Sulla punizione di Marigliano, De Giorgi mette al centro per Sogno che di testa scaraventa la palla in rete (85′). L’inerzia cambia e per poco gli ospiti si divorano il ribaltone con il tiro di Dodò deviato in corner da De Lucia (87′). L’ultimo brivido è di marca Gladiator con Liccardi che, scattato sul filo del fuorigioco, è tutto solo ma si lascia ipnotizzare dal portiere Riccio e manca il goal del sorpasso finale. Allo stadio “Comunale” di Vitulazio finisce 2-2.

Tabellino: GLADIATOR-AFRO NAPOLI UNITED = 2-2 (parziali: 1-1; 1-1)

GLADIATOR: De Lucia, Landolfo (76’ Romagnoli), Lombardi, Vitiello, Caccia, Manzi, Di Paola, Di Pietro, Pesce, Scielzo (76’ Ioio), Liccardi. In panchina: Merola, Andreozzi, Montano, Tartaglione, Saccavino, Iovino, Stellato. Allenatore: Giovanni Sannazzaro

AFRO NAPOLI UNITED: Riccio, De Giorgi, Gentile (84’ Gargiulo), Olivieri (84′ Redjehimi), Velotti, De Fenza, Dodò, Marigliano, Sogno, Babù, Caliendo (67’ Conteh). In panchina: Santangelo, Pagliuca, Suleman, De Rosa, Diop, Filogamo. Allenatore: Salvatore Ambrosino

RETI: 10’ Di Paola (G), 49’ pt Velotti (A), 71’ Liccardi su rig. (G), 85’ Sogno (A)

ARBITRO: Calogero Volpe della sezione di Vibo Valentia (assistenti: Antonio Cafisi di Nocera Inferiore e Giovanni Di Meglio di Napoli)

NOTE: Ammoniti: Di Pietro, Manzi, Di Paola, Caccia (G); Dodò, Sogno (A). Angoli: 7-5. Fuorigioco: 2-3. Recupero: 4 nel primo tempo; 3 nel secondo tempo. Spettatori: 300 circa

AREA COMUNICAZIONE & UFFICIO STAMPA A.S.D. GLADIATOR 1924