Il futuro dell’Aversa tra Spezzaferri e Corvino ma il dg Filosa pensa solo alla salvezza: “Il nostro obiettivo è confermare la categoria. Domenica la prima di otto finali”

Paolo Filosa dg dell’Aversa

E’ iniziata una settimana importante in casa Aversa. Una settimana che porta alla sfida salvezza contro la Frattese in programma domenica pomeriggio allo stadio ‘Bisceglia’. Le vicende societarie che vedono protagonisti il presidente Spezzaferri e il presidente onorario Corvino non sembrano toccare minimamente la squadra. Merito del direttore generale Paolo Filosa che sta facendo da filtro isolando calciatori e staff tecnico. “Per quel che mi riguarda – ha detto Filosa – so che c’è un gran bel rapporto tra Corvino e Spezzaferri. Gli accordi e tutto ciò che concerne l’aspetto extra sportivo non sono di mia competenza. Io penso solo alle vicende di campo e parlo soltanto della gestione della prima squadra. Eventuali accordi o intromissioni di terze parti non mi riguardano. Da quando sono arrivato abbiamo fatto progressi enormi, si è creato il clima ideale per lavorare e bisogna pensare solo alla salvezza. Sono certo che per il bene della Normanna tutto si risolverà per il meglio poiché c’è voglia di raggiungere un traguardo che fino a qualche mese fa era insperato”. Il dg ha solo un pensiero in testa: la salvezza diretta. “Tutti i ragazzi, tutto lo staff stanno facendo il massimo e in queste otto partite che restano proveremo a vincere il più possibile per salvarci senza passare per i playout. Abbiamo i numeri e gli uomini per farlo a cominciare da domenica quando ospiteremo la Frattese. Squadra viva, giovane che verrà da noi per giocarsi una finale. Mister Marasco ha 24 titolari, solo l’imbarazzo della scelta e chiunque verrà chiamato in causa non deluderà. Tutto il resto non ci riguarda, pensiamo solo ed esclusivamente al calcio giocato”. La situazione comunque sembra chiara: Spezzaferri ha scelto di continuare a collaborare con Caso non rendendosi conto che è incompatibile con Pasquale Corvino. A questo punto se il presidente onorario facesse un passo indietro il futuro dell’Aversa tornerebbe nuovamente nelle mani di Spezzaferri che non solo dovrà concludere la stagione in corso ma anche pensare ad evitare un’altra estate turbolenta ed incerta come quella del 2017. Sarebbe bastato fare un passo indietro, schierarsi con Corvino e si sarebbe potuta costruire un’Aversa competitiva e ambiziosa per la prossima stagione. Aspettiamo sviluppi sulla vicenda.