Santa Maria La Fossa la salvezza prima di tutto, Giovanni Papa: “C’è grande concentrazione per sabato. E sulla vicenda stipendi…”

Il segretario Giovanni Papa (Foto Mario Fantaccione)

Battere il Real San Nicola e archiviare il discorso salvezza. Idee ben chiare per il Santa Maria La Fossa che si appresta ad affrontare l’ormai retrocessa e giovanissima compagine sannita. Tre punti annunciati, ma massima attenzione per una gara che sulla carta è poco più di un’amichevole. Con un successo i fossatari avrebbero la certezza di non rischiare nulla in chiave playout ecco perchè da martedì testa bassa e tanto sudore sul campo. Spazzate via anche le nubi addensatesi alla vigilia di Pasqua con la vicenda rimborsi spesa prontamente ridimensionata dal presidente Martino. “Un polverone che francamente non ce lo aspettavamo – ha detto l’esperto segretario Giovanni Papa – ma ormai fa già parte del passato. Ho provveduto personalmente a saldare le spettanze di marzo e la squadra si è sempre allenata. Vogliamo lasciarci alle spalle tutto e pensare soltanto al calcio giocato. Siamo consapevoli di dover solo vincere e francamente è nelle nostre possibilità. Avremmo meritato di centrare il traguardo con un po’ di sofferenza in meno e con qualche settimana di anticipo, ma l’importante sarà arrivare alla meta perchè la società lo merita. I ragazzi si sono allenati con grande intensità durante la stagione nonostante difficoltà non derivanti dalla nostra volontà (condizioni del campo di gioco, scarsa illuminazione:ndr) ed è il momento di chiudere il conto. Siamo in regola con i rimborsi e oggi è una notizia vedendo tutto quello che accade altrove, anche in piazze importanti che puntano a traguardi completamente diversi dai nostri”. L’esperienza di Papa lo porta a guardare anche al futuro: “Siamo un gruppo di amici che andiamo avanti per passione e lo facciamo con grande orgoglio. Ci rendiamo conto che a volte le cose potrebbero andare in maniera differente, ma non dimentichiamo che siamo partiti dalla Terza Categoria approdando in un campionato come la Promozione che non è poco. A fine campionato ci sederemo a tavolino e pianificheremo un futuro che probabilmente sarà diverso e speriamo più ambizioso”.