Real Albanova, capitan Diana si gode la salvezza: “Abbiamo sempre dato il massimo per questa maglia”

Il capitano Davide Diana

Conquistata la salvezza matematica, la Real Albanova continua la preparazione in attesa della sfida di Sabato 22 Aprile contro la Neapolis, sfida che coinciderà con la penultima giornata di campionato. Manca poco al termine della stagione e, se c’è qualcuno che può tracciarne un bilancio, sicuramente è capitan Diana, che, con la sua esperienza e il suo attaccamento alla maglia, è sicuramente tra i punti di riferimento della compagine biancoazzurra.

-Capitano, in questa stagione, partita un po’ in sordina, la Real Albanova, seppur dopo un periodo difficile, ha conquistato la salvezza matematica. Puoi descriverci il cammino biancoazzurro secondo il tuo punto di vista?

L’inizio è stato complicato sia per quanto riguarda i risultati sia in termini di organizzazione societaria. Nella sfida contro la Neapolis siamo arrivati a dicembre con quattro punti in classifica, alla pari con loro. Ora, a distanza di pochi mesi, giocheremo contro la stessa avversaria con trenta punti in più rispetto a quanti ne avevamo guadagnati a Dicembre: è un risultato straordinario.  Con l’arrivo di Corvino, di Accardi ed il lavoro del mister, la squadra ha trovato compattezza e serenità. L’arrivo di qualche innesto, poi, ha fatto sì che raggiungessimo l’obiettivo salvezza a due giornate dalla fine della stagione.

-Ripercorrendo le fasi di questa stagione, qual è il confronto che vi ha messo più a dura prova?

Dalla fine dello scorso anno ogni partita l’abbiamo vissuta come una finale: dal nostro punto di vista, non c’era differenza tra un confronto con l’Hermes Casagiove o contro il Portici, il nostro obiettivo era raggiungere al più presto la salvezza. Dunque, c’è stato un cambiamento anche dal punto di vista mentale che ha fatto sì che questo piccolo miracolo calcistico accadesse.

-Qual è, invece, il momento vissuto con i tuoi compagni che, oltre a  ricordare con più piacere, ti ha regalato le emozioni più grandi?

Il momento più emozionante doveva essere mercoledì contro la Real Forio. Ci auguravamo, infatti, di festeggiare la salvezza con una bella vittoria. Tuttavia, la squadra ha disputato un ottimo primo tempo. Sono stati tanti i momenti emozionanti poichè vittoria dopo vittoria abbiamo sempre più acquisito la consapevolezza dei nostri mezzi.

Ufficio Stampa Real Albanova